Calcio: Iachini “Testa bassa e pedalare forte, Parma piazza da serie A”

3 minuti di lettura

Idee chiare e voglia di incidere subito per il successore di Maresca COLLECCHIO (ITALPRESS) – Prime parole da allenatore del Parma per Giuseppe Iachini, che torna nuovamente tra i cadetti alla ricerca della quinta promozione in carriera dopo quelle con Chievo, Brescia, Sampdoria e Palermo. "Il campionato di Serie B è lungo, difficile e per certe squadre, come il Parma, diventa di pressione, le altre ti aspettano e contro di te fanno la partita della vita. Voglio che la squadra diventi figlia dell'allenatore: compatta, aggressiva, concentrata. A me non piace fare voli pindarici, per arrivare in alto occorreranno lavoro, costanza e sacrificio. Poi a marzo vedremo dove saremo, ora testa bassa e bisogna cominciare a pedalare forte". Eredita una situazione non semplice ma non è per nulla spaventato. "Ringrazio il presidente, i dirigenti e la società per avermi scelto, arrivo in una piazza ambiziosa che ha un progetto pluriennale e vuole arrivare in alto. E' stato un fulmine a ciel sereno, avevo avuto colloqui con società di serie A ma se sono qui è perchè considero Parma come una piazza, un ambiente, una tifoserie da serie A". Volevo mandare un abbraccio caloroso a Enzo Maresca e Roberto Vitiello, miei calciatori in passato, auguro a loro le migliori fortune, io stavo già tifando Parma prima di venire qua perchè c'erano loro", ha aggiunto Iachini perfettamente consapevole che non c'è tempo da perdere. "Conosco solo una ricetta che è il lavoro. Non ho la bacchetta magica, bisogna che i ragazzi capiscano la lingua del proprio allenatore, sperando che si velocizzi il percorso. Il calcio è semplice: bisogna fare gol, buttare la palla in porta. Mi piace che la squadra verticalizzi, vada in profondità. Il mio calcio è organizzazione, possesso palla finalizzato a verticalizzazione e andare in porta. Il mio percorso è sempre stato quello del raggiungimento degli obiettivi e della valorizzazione del capitale a disposizione. Durante la prossima settimana avremo già tre partite, per poter aver un miglioramento avremo bisogno di lavorare e per impartire nuovi concetti dovrò subito accelerare". Ad accogliere Iachini il video messaggio dagli Usa del presidente Kyle Krause e l'intervento del direttore dell'area tecnica, Javier Ribalta. "Dopo la situazione complicata in cui eravamo, abbiamo deciso di cambiare la guida tecnica ma per noi non cambia assolutamente il progetto. Continuiamo a essere una società ambiziosa che vuole puntare in alto, valorizzare i giovani ed essere protagonista. Abbiamo scelto un allenatore che non ha bisogno di presentazioni, il suo curriculum parla per sé. Pensiamo sia la persona e l'allenatore giusto per il momento che stiamo vivendo", ha spiegato Rivalta. (ITALPRESS). ber/ari/red 25-Nov-21 15:18

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Un anno fa la morte di Maradona, il ricordo dei compagni

Articolo successivo

Soccorsi 296 migranti al largo di Lampedusa, alcuni erano in acqua

0  0,00