/

Le competenze digitali dei docenti, approfondimento a Digitale Italia

1 minuto di lettura

Capogna: con il progetto Re-Educo approccio innovativo alla formazione

Quali sono le nuove competenze dei docenti, quali percorsi di formazione intraprendere, in che modo si sta integrando l’uso delle nuove tecnologie all’interno dei programmi di studio? A Digitale Italia una puntata dedicata alla digitalizzazione del comparto scolastico con focus sul progetto Re–Educo, promosso dalla Commissione Europea e di cui Aidr è partner, volto ad offrire a studenti e insegnanti l’opportunità di aumentare le proprie competenze digitali, attraverso la collaborazione con le aziende ed esperti. Ospiti del format web di Aidr, Stefania Capogna, Direttore Scientifico del Progetto Re-Educo e Maria Ceraolo, docente dell’Istituto d’istruzione Superiore Borghese-Faranda, Patti (Messina). “Attraverso il progetto Re-educo abbiamo voluto spingere verso un nuovo approccio nei confronti della formazione in materia di competenze digitali, in modo che il corpo docente possa integrare gli strumenti digitali nei processi di insegnamento, calibrandoli sulla scorta delle specifiche esigenze-ha sottolineato nel suo intervento Stefania Capogna”. “L’esperienza dell’istituto d’istruzione Superiore Borghese-Faranda – ha sottolineato Maria Ceraolo- al progetto Re- Educo è stata molto positiva. Il corpo docente ha partecipato in maniera attiva al percorso di formazione, sviluppando non solo competenze, ma anche una nuova consapevolezza del ruolo delle tecnologie digitali nell’ambito dell’offerta scolastica.”

Vedi la puntata qui https://www.aidr.it/le-competenze-digitali-dei-docenti-il-ruolo-del-progetto-re-educo-video/

Ascolta il podcast qui https://www.aidr.it/le-competenze-digitali-dei-docenti-il-ruolo-del-progetto-re-educo-podcast/

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Anteprima nazionale de IL MALE NON ESISTE, Orso d’oro a Berlino

Articolo successivo

Rimuginare, una trappola da evitare

0  0,00