Primi due laureati in “Climate Change” al Politecnico di Torino

3 minuti di lettura

TORINO (ITALPRESS) – Sono stati proclamati questa mattina al Politecnico di Torino la prima laureata e il primo laureato nell'orientamento "Climate Change" del corso di laurea magistrale in Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio. Si tratta di Vittorio Giordano, già laureatosi al primo livello al Politecnico di Torino, che ha discusso una tesi sulle prospettive future dell'impronta idrica delle coltivazioni nel continente Africano, con il supporto in qualità di relatori dell'ingegnera Marta Tuninetti e del professor Francesco Laio, attualmente Direttore del Dipartimento di Ingegneria dell'Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture (DIATI) dell'Ateneo. Insieme a lui, è stata proclamata Yara Hammoud, studentessa proveniente dalla Lebanese American University, che ha discusso una tesi sulla modellazione del ruolo della criosfera nella definizione della temperatura a terra nell'area alpina caratterizzata dal permafrost. Ad accompagnarla come relatori il professor Jost von Hardenberg e due relatori esterni di ARPA Piemonte, il dottor Christian Ronchi e il dottor Luca Paro. Il corso di laurea magistrale in Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio del Politecnico di Torino forma futuri ingegneri e ingegnere in grado di affrontare le sfide ambientali che riguardano l'interazione tra le componenti naturali (aria, acqua, suolo, biosfera) e l'uomo e di sviluppare soluzioni sostenibili per le attività umane. Dall'anno accademico 2019/2020, accanto agli esistenti orientamenti in Tutela ambientale, Rischi naturali e protezione civile e Geo-Engineering, è stato attivato un nuovo orientamento dedicato al "Climate Change". L'orientamento, è interamente offerto in lingua inglese, divenendo così il primo corso di ingegneria in Europa dedicato ai cambiamenti climatici, con l'obiettivo di preparare una nuova generazione di ingegneri e ingegnere ambientali capaci di rispondere alle sfide ambientali e sociali che derivano dai cambiamenti climatici, e di cogliere le opportunità del futuro mercato del lavoro. L'orientamento in "Climate Change" è parte integrante del progetto cambiamenti_climatici@polito, finanziato dal MUR che ha riconosciuto il DIATI tra i "Dipartimenti di Eccellenza" che hanno ottenuto fondi straordinari per il quinquennio 2018-2022. Il progetto ha visto ingenti investimenti per il potenziamento delle attività e delle infrastrutture di ricerca sugli aspetti del monitoraggio, dell'adattamento e della mitigazione dei cambiamenti climatici. In ambito di formazione, oltre al nuovo orientamento della Laurea Magistrale, a gennaio 2020 è stato lanciato un master post laurea su questi temi, con un forte partenariato con il mondo industriale e dei servizi. (ITALPRESS). jp/mgg/red 06-Dic-21 14:10

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Champions. Ancelotti “Inter gioca bene, tre punti importanti”

Articolo successivo

Triathlon: Giubilei “Problema piscine è serio e va affrontato”

0  0,00