Calcio: Juric “Al Toro serve cattiveria per portare a casa i risultati”

3 minuti di lettura

"Ho la sensazione di una squadra che si accontenta, voglio più fame e rabbia", dice il tecnico granata TORINO (ITALPRESS) – "Per fare il salto di qualità serve lavorare e crescere a livello emotivo". Questo il pensiero di Ivan Juric, allenatore del Torino, in conferenza stampa alla vigilia della sfida interna contro il Bologna. I granata non vincono da tre partite e hanno ottenuto un solo successo nelle ultime cinque: "Che avversario è la formazione di Mihajlovic? Sabatini ha costruito benissimo la squadra, sono stati inseriti giocatori ottimi e giovani. Con Arnautovic hanno una fisionomia ancora superiore. Dobbiamo cercare di vincere, ma sarà molto dura". Juric ha anche fatto il punto sulla situazione fisica di alcuni singoli: "Mandragora dovrà trovare ancora ritmo, non posso ancora contare su di lui. Pobega era un po' affaticato, sta giocando tanto e non è abituato: vediamo se ci sarà, ma sta migliorando. Ansaldi è recuperato ma magari non giocherà dall'inizio, mentre Djidji è fuori e per gli altri ci siamo". Per l'allenatore croato le belle parole da parte del presidente Cairo che ha affermato di esser soddisfatto del lavoro fin qui svolto: "Un rapporto basato sulla franchezza ha portato acquisti in estate? Non siamo intervenuti su niente, anche dopo che ho parlato quest'estate. L'obiettivo era completamente diverso". "Ciò che conta è la squadra, a volte mi sembra che i ragazzi si accontentino di competere bene. Non è sufficiente, serve più cattiveria perché le occasioni passano. Stiamo lasciando per strada vari punti, dobbiamo migliorare – spiega Juric -. Siamo tosti, ma non raccogliamo: voglio un salto di qualità da questo punto di vista". Poche settimane e poi ci sarà il mercato di riparazione, ma Juric non sembra farci grande affidamento: "Le cose si fanno a luglio e ad agosto. L'obiettivo è migliorare i giocatori che ho, questa è la mia squadra, la sento così. Tutti possono dare di più. A gennaio non è un mercato che stravolge, perciò sono contento di come si allena la squadra ma dobbiamo cercare di migliorare". L'obiettivo adesso è quello di raccogliere più punti possibili: "Dobbiamo giocare bene e migliorarci su aspetti tecnici: su certe cose andiamo molto bene, va bene l'identità, ma poi arrivano momenti difficili. Guardando le partite, non dico che siamo stati sfortunati, dico che non abbiamo preso punti. La mia sensazione è quella di una squadra che si accontenta, sono soddisfatti perché stanno facendo meglio degli altri anni. Serve più fame e più rabbia, un po' come fatto contro l'Udinese. Sono contento di tante cose, ma serve più cattiveria nel portare il risultato a casa", ha concluso Juric. (ITALPRESS). mra/ari/red 11-Dic-21 16:39

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

La radioterapia si evolve, ma servono più centri

Articolo successivo

Calcio: Mihajlovic “Toro competitivo, vicino a Ferrero, aspettiamo Zaki”

0  0,00