Calcio: Zanetti “Juve può centrare un filotto importante”

3 minuti di lettura

Il tecnico del Venezia: "Noi meglio con le big, spero Caldare resti" ROMA (ITALPRESS) – "La Juventus? E' normale che per noi è stata difficile, come lo è spesso quando incontriamo squadre di questo livello. Il gap tecnico è importante ma nel calcio contano anche altre cose, e noi siamo stati bravi a portare a casa questo punto. Non è la migliore Juve vista negli ultimi anni ma ha le carte in regola per centrare un filotto importante". Così, ai microfoni di Radio Anch'io Sport, su Rai Radio 1, il tecnico del Venezia Paolo Zanetti, reduce dal pareggio interno con i bianconeri che ha confermato come i lagunari si trovino più a proprio agio con le big piuttosto che con le altre. "E' un aspetto mentale sul quale dobbiamo lavorare tanto – spiega l'ex centrocampista – forse con le piccole paghiamo il peso di dover vincere a tutti i costi. In squadra ci sono tanti giovani e stranieri che non fatto mai fatto la Serie A, anche l'allenatore è un esordiente: è un fatto psicologico, con le grandi abbiamo nulla da perdere e con le piccole non sempre siamo riusciti a fare bene". Una delle chiavi del buon momento della neo-promossa è il ritorno ai livelli di un tempo di Caldara, centrale difensivo che il Milan, proprietario del suo cartellino, potrebbe riportare alla base già a gennaio per sostituire l'infortunato Kjaer: "Arriva da un percorso difficile, la maturità tecnica ce l'ha, ha avuto però due anni di stop per un infortunio grave. Noi ci abbiamo creduto, lo abbiamo convinto a ripartire andando a casa sua e così è successo: è un giocatore forte, altrimenti non si va al Milan, e sta tornando quello di prima. Egoisticamente preferirei non perderlo ma è normale che i rossoneri lo stiano seguendo". Detto che il calendario asimmetrico può comportare delle difficoltà, Zanetti ha pochi dubbi nell'individuare la favorita allo scudetto: "L'Inter sta dimostrando qualcosa in più e anche contro di noi si è vista una squadra con un ottimo gioco. Inzaghi ha completato il lavoro di Conte, c'è una unione di tecnica e fisicità impressionate. Credo sia la squadra più forte". (ITALPRESS). mc/red 13-Dic-21 10:01

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Boninsegna “Difficile battere l’Inter, paura dell’Atalanta”

Articolo successivo

Calcio: Nigeria. Ct Rohr lascia a meno di un mese dalla Coppa d’Africa

0  0,00