Vaccino, terza dose raccomandata in gravidanza nel II e III trimestre

2 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – La terza dose del vaccino anti-Covid è "raccomandata" in gravidanza e allattamento. Lo prevede l'aggiornamento delle linee guida sulla terza dose di vaccino anti Covid in gravidanza e allattamento dell'Istituto superiore di sanità (Iss). Si raccomanda "l'offerta di una dose di vaccino a mRNA, come richiamo (booster) di un ciclo vaccinale primario in accordo con le disposizioni in vigore, alle donne in gravidanza che si trovino nel secondo e terzo trimestre e desiderino vaccinarsi. La raccomandazione tiene conto delle numerose e crescenti evidenze riguardo alla sicurezza della vaccinazione in gravidanza, sia nei confronti del feto che della madre; delle evidenze relative alla maggiore morbosità associata alla variante Delta; della sua crescente circolazione e del notevole abbassamento dell'età mediana all'infezione in Italia. Ad oggi sono ancora poche le evidenze relative a vaccinazioni eseguite nel primo trimestre pertanto le donne che desiderino vaccinarsi in questa epoca gestazionale devono valutare rischi e benefici insieme a un sanitario". Le donne a maggior rischio di contrarre l'infezione da SARS-CoV-2 perché più esposte (come le professioniste sanitarie o caregiver) e/o a maggior rischio di sviluppare una malattia grave da COVID-19 (donne con fattori di rischio come età" 30 anni, BMI"30, comorbidità, cittadinanza di Paesi ad alta pressione migratoria) rimangono il target prioritario per la vaccinazione in gravidanza". L'ISS raccomanda "l'offerta di una dose di vaccino a mRNA, come richiamo (booster) di un ciclo vaccinale primario in accordo con le disposizioni in vigore, alle donne che allattano, senza alcuna necessità di interrompere l'allattamento". (ITALPRESS). mgg/com 13-Dic-21 13:16

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Omicron fa la prima vittima in Inghilterra. La corsa ai ripari

Articolo successivo

Enpaia, aumentano gli iscritti e le prestazioni erogate

0  0,00