Calcio: Barone “Strada viola delineata, a gennaio sappiamo cosa fare”

3 minuti di lettura

"Ikonè ci piace, Vlahovic? A oggi è un giocatore della Fiorentina" FIRENZE (ITALPRESS) – "I primi due anni sono stati "difficili, tosti, complessi. Volevamo fare tutto 'fast, fast': nuovo stadio, nuovo centro sportivo, una squadra all'altezza della bellezza di Firenze. Il Covid ha complicato tutto ma il cammino adesso è ben delineato". Joe Barone, direttore generale viola, è fra gli artefici della splendida stagione della squadra guidata da Vincenzo Italiano, al quinto posto davanti a Roma e Juventus. E pensare che l'allenatore scelto per questa stagione era Gattuso, prima della rottura estiva. "La tempesta perfetta – la definisce Barone in un'intervista a 'La Repubblica' – Italiano ha portato idee di gioco propositive e avvolgenti, la squadra ha risposto mettendosi a disposizione e dimostrando che poi non era così scarsa rispetto a un anno fa. Il mister gioca alto, pressa, propone. Un tipo di calcio alla Zeman, oppure come il Lipsia. Esattamente quello che cercavamo come profilo". E la società è pronta a sostenerlo anche con dei rinforzi. "Sappiamo cosa fare a gennaio, stiamo lavorando da tempo. Seguiamo Ikoné, ci piace e sarebbe l'ideale per il nostro gioco. Vlahovic? È un professionista serio, su questo non posso dire niente e io ho anche un buon rapporto con lui". "Gli abbiamo proposto il rinnovo, il più alto di sempre nella storia della Fiorentina – prosegue Barone a proposito dell'attaccante serbo, in scadenza nel 2023 – L'abbiamo fatto più volte e sia lui che il procuratore ci hanno fatto capire che non vogliono accettare. A oggi è un giocatore della Fiorentina. Non posso sapere quel che accadrà in futuro. Però una cosa voglio dirla: questo è un gruppo, compatto e forte. Vlahovic è uno dei suoi componenti". Una delle battaglie di Commisso e della Fiorentina è quella per arginare i procuratori ("oggi il mercato è totalmente controllato da loro, ci vogliono regole chiare, precise, che tutti devono rispettare") e anche a livello di governance del calcio italiano "qualcosa deve cambiare. Chiediamo più trasparenza". E per il 2022 un doppio auspicio: "inaugurare il Viola Park e tornare in Europa. Mi immagino una Fiorentina molto competitiva, deve riprendersi il posto tra le squadre che contano". (ITALPRESS). glb/com 15-Dic-21 09:19

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Referendum. Aula deserta. Il Ddl eutanasia farà la stessa fine del Ddl Zan?

Articolo successivo

Draghi “A Natale più preparati e sicuri grazie ai vaccini”

0  0,00