Vento di Bulgaria ad Europa in Musica

2 minuti di lettura

Appuntamento con la grande musica bulgara domani 16 dicembre 2021 alle ore 19.00 fra le storiche mura del Conservatorio di Santa Cecilia di Roma che ospiteranno un’opera di grande suggestione: Il canto dei Venti del compositore bulgaro Peter Dundakov, un lavoro multimediale che vedrà salire sul palco l’orchestra da camera dei Sofia Soloists diretti dal Maestro Plamen Djurov e solisti del calibro di: Rosen Zahariev alla tromba, Gergana Dimitrova (solista de “Il mistero delle voci bulgare” ed “Eva Quartet”) e Plamena Girginova (solista del Teatro dell’Opera di Stato di Plovdiv). Alla parte video il pluripremiato Ivan BogdanovL’ingresso all’evento è gratuito con obbligo Greenpass(info e prenotazioni: istbulroma@yahoo.it).

Il concerto, che si inserisce nella programmazione di Europa in Musica, la stagione musicale del Cluster EUNIC Roma, ruota attorno all’opera di Dundakov: un suggestivo incontro fra musica classica contemporanea, jazz, folklore, narrative music, musica cinematica e teatrale, che, attraverso una serie di quadri musicali per orchestra d’archi, soprano, flicorno e fonogramma, porge un appassionato omaggio al tema del vento. Un incontro di linguaggi musicali e artistici capace di oltrepassare i confini precostituiti fra le forme e i generi e di raccontare con una nuova poesia il gesto dell’incontro fra uomo e natura. Vale forse la pena di ricordare che l’ultima volta che l’Italia e Roma hanno avuto l’opportunità di ascoltare la musica di Peter Dundakov in BooCheeMish, un lavoro scritto per Il Mistero delle Voci Bulgare e Lisa Gerrard.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Pechino2022: Bach “Cio non può risolvere i problemi politici del mondo”

Articolo successivo

Calcio: Coronavirus, Coppa d’Africa 2022 a rischio cancellazione

0  0,00