Nations League, Italia con Germania, Inghilterra e Ungheria

2 minuti di lettura

La nuova edizione del torneo scatterà a giugno 2022 NYON (SVIZZERA) (ITALPRESS) – Germania, Inghilterra e Ungheria: queste le avversarie dell'Italia nel girone 3 della Lega A di Nations League 2022/23. Gli azzurri, che si sono classificati al terzo posto nella scorsa edizione (Final Four giocata fra Torino e Milano), erano testa di serie. La Nations League si disputerà a giugno (1^ e 2^ giornata fra il 2 e l'8, 3^ e 4^ giornata fra l'8 e il 14) e settembre 2022 (5^ e 6^ giornata fra il 22 e il 27). Nel giugno 2023 è in programma la Final Four – a cui accederanno le vincitrici dei quattro gironi della Lega A – con semifinali il 14 e il 15 e finali il 18. A marzo 2024 si disputeranno invece gli spareggi che metteranno in palio gli ultimi posti disponibili per gli Europei che si giocheranno lo stesso anno. Questi i gironi: LEGA A Girone 1: Francia, Danimarca, Croazia, Austria; Girone 2: Spagna, Portogallo, Svizzera, Repubblica Ceca; Girone 3: ITALIA, Germania, Inghilterra, Ungheria; Girone 4: Belgio, Olanda, Polonia, Galles; LEGA B Girone 1: Ucraina, Scozia, Irlanda, Armenia; Girone 2: Islanda, Russia, Israele, Albania; Girone 3: Bosnia, Finlandia, Romania, Montenegro; Girone 4: Svezia, Norvegia, Serbia, Slovenia; LEGA C* Girone 1: Turchia, Lussemburgo, Lituania, Isole Far Oer; Girone 2: Irlanda del Nord, Grecia, Kosovo, Cipro/Estonia; Girone 3: Slovacchia, Bielorussia, Azerbaijan, Kazakhstan/Moldavia; Girone 4: Bulgaria, Macedonia del Nord, Georgia, Gibilterra; LEGA D* Girone 1: Kazakhstan/Moldavia, Lettonia, Liechtenstein, Andorra; Girone 2: Cipro/Estonia, Malta, San Marino. * A marzo 2022 si giocheranno i play-out Kazakhstan-Moldavia e Cipro-Estonia: le vincenti andranno nella Lega C, le perdenti nella Lega D. (ITALPRESS). glb/red 16-Dic-21 18:52

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Il Green pass un successo tra i lavoratori domestici

Articolo successivo

Una nuova concezione di architettura per il futuro delle nostre città

0  0,00