Tissone (Silp Cgil) “La sicurezza non è un costo, servono più risorse”

2 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – "Abbiamo riscontrato che chi ha meno rischia di avere sempre meno. Essere scesi in piazza oggi a scioperare è stato un fatto di giustizia, per una più equa distribuzione delle ricchezze e delle risorse, soprattutto adesso che arrivano i fondi del Pnrr". Lo afferma il segretario generale della Silp Cgil, Daniele Tissone, nel corso di una intervista all'Italpress, in riferimento allo sciopero generale proclamato per il 16 dicembre da Cgil e Uil. "Rivendichiamo – aggiunge il sindacalista – maggiori risorse e chiediamo che la sicurezza non venga intesa come un costo ma come una garanzia per il benessere dei cittadini. Negli ultimi due anni le forze dell'ordine, così come le forze armate, hanno dato un contributo notevole nel rispondere alle esigenze di sicurezza dei cittadini, nel periodo del lockdown così come durante le proteste dei no vax e dei no green pass. Ciononostante, a fronte dei carichi di lavoro che sono aumentati, le amministrazioni anziché immettere nuove leve hanno aumentato il ricorso al lavoro straordinario, che in polizia è pagato quanto il lavoro ordinario: c'è stato una sorta di sfruttamento del personale che purtroppo continua". Sull'obbligo vaccinale per gli operatori di polizia Tissone afferma che "poteva essere esteso a tutti i cittadini italiani anziché ad alcune categorie solamente. Comunque – dice – nel caso degli agenti di polizia rappresenta una garanzia per loro stessi e per i cittadini. Eventuali dubbi in chi esercita una professione del genere sono un po' secondari, perché se mettiamo davanti il senso di responsabilità e la tutela dei cittadini siamo di fronte ad un ragionamento superiore a quello che possiamo fare come singoli", conclude il leader della Silp Cgil. (ITALPRESS). fpa/sat/red 16-Dic-21 17:51

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

La senologia italiana ha retto all’urto del Covid-19

Articolo successivo

Inaugurato all’ospedale Giglio di Cefalù il nuovo centro pasti

0  0,00