Alla Mole e al Mauto di Torino l’omaggio a Diabolik e alla Jaguar E-Type

4 minuti di lettura

TORINO (ITALPRESS) – Diabolik, personaggio immaginato da Angela e Luciana Giussani a seguito di vicende di cronaca nera successe a Torino oltre sessant'anni fa, ritorna nella città che ne ha ispirato la creazione. In occasione dell'uscita al cinema del film Diabolik, diretto dai Manetti bros e interpretato da Luca Marinelli, Miriam Leone e Valerio Mastandrea, due tra i grandi musei di Torino – ciascuno dei quali racconta la storia di un'invenzione epocale, il cinema e l'automobile, che nella capitale sabauda hanno avuto origine – dedicano una mostra a uno dei personaggi più amati del fumetto e della narrativa italiana dagli anni Sessanta a oggi. A partire da oggi, il Museo Nazionale del Cinema e il Mauto – Museo Nazionale dell'Automobile dedicano due esposizioni al tenebroso antieroe, una alla Mole Antonelliana l'altra nella storica sede del museo automobilistico. Il Museo Nazionale del Cinema presenta, fino al 14 febbraio 2022, la mostra Diabolik alla Mole, a cura di Luca Beatrice, Domenico De Gaetano e Luigi Mascheroni. Il percorso espositivo ripercorrere la storia del ladro tra film e fumetti, oggetti iconici di design, opere d'arte, fotografie dell'Archivio Storico Publifoto, articoli di cronaca nera degli anni Sessanta e tavole della casa editrice Astorina. Colpo grosso al Museo, la mostra aperta fino al 6 marzo 2022 al Museo Nazionale dell'Automobile a cura di Giosuè Boetto Cohen, presenta un omaggio alla fida compagna di imprese di Diabolik: l'iconica Jaguar E-type che, come il suo affascinante e spregiudicato proprietario, compie 60 anni. L'auto, presentata nelle versioni coupé nera e spider rossa, è circondata da un allestimento dedicato al signore del brivido e alla geniale relazione che lo legò alla celebre vettura. "Diabolik è un personaggio oramai entrato nell'immaginario collettivo, è il Re del terrore per eccellenza nel mondo del fumetto. L'omaggio che il Museo Nazionale dell'Automobile e il Museo Nazionale del Cinema gli rendono è il frutto di una sinergia sul territorio, di una comunione d'intenti, di una volontà di creare un percorso che esca fuori dai confini del singolo ente per abbracciare un interesse comune. La cultura è condivisione e questa bella sinergia ne è la conferma" dichiara Enzo Ghigo, presidente del Museo Nazionale del Cinema. "Due musei, due mostre, due leggende del Novecento (nate nei magnifici 60s). Una è inglese: la E-Type (needless to say, it's a Jaguar!). L'altra è un personaggio italiano (nell'ideazione), immaginario e inimitabile: Diabolik. L'unione sta in questa straordinaria auto – nera come la sua 'divisa' – che lo assiste (come Eva Kant, leggenda pure lei) nei suoi colpi straordinari e negli inseguimenti rocamboleschi e furibondi tra Ghenf e Clerville. Una doppia mostra che è occasione perfetta per una costruttiva e reciproca invasione di campo tra due Musei Nazionali, del Cinema e dell'Automobile" racconta Benedetto Camerana, presidente del MAUTO, Museo Nazionale dell'Automobile. (ITALPRESS). tvi/com 17-Dic-21 17:26

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Parlamento Ue “Russia ritiri militari da confini Ucraina”

Articolo successivo

Tg Sport – 17/12/2021

0  0,00