Erasmus+, 28,4 miliardi per la programmazione 2021-2027

5 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – È stato lanciato nella sala della Protomoteca in Campidoglio a Roma Erasmus+, il programma dell'Unione europea per il periodo 2021-2027, che permette di studiare, formarsi, insegnare de effettuare esperienze di lavoro o di volontariato in Europa e nel mondo. Il progetto offre l'opportunità di studiare, formarsi, insegnare ed effettuare esperienze di lavoro o di volontariato, realizzare attività di cooperazione tra istituzioni dell'istruzione e della formazione in tutta Europa e di intensificare la collaborazione tra il mondo del lavoro e quello dell'istruzione per lo sviluppo del capitale umano e sociale. Nel programma assumono ruoli centrali temi chiave quali l'inclusione sociale, la sostenibilità ambientale, la transizione verso il digitale e la promozione della partecipazione alla vita democratica da parte delle generazioni più giovani e per gli adulti. Il progetto dispone di una dotazione finanziaria pari a 28,4 miliardi di euro. "Dobbiamo fare un prossimo passo: lavorare di più su una vera università europea", ha detto la ministra dell'Università, Maria Cristina Messa, che ha aggiunto: "La dichiarazione di Bologna ha posto in Ue una modalità di insegnamento comune: il 3 più 2. Ora bisogna rifare un punto della situazione, considerando che le discipline sono messe in discussione da vari fattori: dalle nuove tecnologie al bisogno di interdisciplinarità". Per il ministro dell'Istruzione, Patrizio Bianchi, "bisogna investire di più non solo dal punto di vista delle risorse, ma sul riconoscimento, sulla formazione dei docenti e sulla capacità di accompagnare gli studenti. Dobbiamo investire su interventi che non siano isolati, puntare su un'integrazione a livello nazionale. C'è troppo divario tra nord-sud, centro-periferia e tra le città e le campagne. La scuola deve essere per tutti gli adulti dove la logica è nessuno di meno, dare a tutti il modo di avere una seconda possibilità". "Dopo un anno di Covid dobbiamo pensare tutti all'effetto sulle nuove generazione di qualsiasi politica e decisione prendiamo. È un aspetto rimasto spesso ai margini della politica e ha portato alla disaffezione dei giovani", ha spiegato la ministra per le Politiche Giovanili, Fabiana Dadone. La ministra ha poi posto l'attenzione sui giovani "inattivi nel nostro Paese che ci vedono ancora maglia nera. Noi dobbiamo riuscire ad intervenire con un programma per farli emergere e poi agganciarli con progetti come il servizio civile o l'Erasmus. Molto spesso i ragazzi non conoscono le modalità di accesso a questi progetti. Vogliamo lavorare di più con gli enti territoriali per farli conoscere meglio". "In questi giorni stiamo parlando molto di tirocini. Io credo che sia giusto porci il problema che debbano servire a formare le persone, non a utilizzare forza lavoro qualificata senza pagarla. Questo non aiuta nessuno se non aumentare un po' i profitti di chi gioca su questo", ha spiegato il ministro del Lavoro, Andrea Orlando. In Italia la gestione del progetto è affidata a tre Agenzie nazionali competenti su ambiti diversi: Indire per l'istruzione, Inapp (Istituto nazionale per l'analisi delle politiche pubbliche) per la formazione professionale e Agenzia nazionale per i giovani, per il settore giovanile. "Questa è una grandissima occasione per la scuola, per l'istruzione superiore, ma soprattutto per il mondo degli adulti. È importantissimo fare istruzione soprattutto nel mondo degli adulti, dove risulta netto e chiaro dalla ricerca che abbiamo fatto che c'è una grande fascia di analfabetismo digitale. Per cui la possibilità di essere pienamente cittadini dei nostri tempi è legata alla formazione", ha affermato Flaminio Galli, direttore generale Indire. Per Santo Darko Grillo, direttore generale Inapp, "i ragazzi tornano dall'Erasmus arricchiti, riescono a rivendersi l'esperienza acquisita all'estero sia in termini di competenze che di rete relazionale, che gli consente di collocarsi utilmente nel mercato del lavoro". Lucia Abbinante, direttrice generale ANG, ha poi concluso spiegando quale sia il ruolo dell'agenzia: "È quello di formare la generazione europea solidale del futuro e del presente attraverso la mobilità e lo scambio che è una rivoluzione gentile, che ci é stata proposta già 35 anni fa dall'Unione Europea, per poter dare l'opportunità alle ragazze e ai ragazzi di confrontarsi e di costruire insieme l'Europa". (ITALPRESS). sfe/sat/red 20-Dic-21 18:17

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Covid, 16.213 nuovi casi e 137 decessi in 24 ore

Articolo successivo

Amianto nella scuola: il Ministero dell’Istruzione condannato per la morte di mesotelioma di una docente

0  0,00