Nuoto: Mondiali vasca corta. Cusinato, Razzetti e 4×50 mista in finale

2 minuti di lettura

Azzurri ancora protagonisti nella penultima mattina ad Abu Dhabi ABU DHABI (EMIRATI ARABI) (ITALPRESS) – La 4×50 mista, primatista mondiale e campione europea in carica, apre la penultima mattina dei Mondiali in vasca corta ad Abu Dhabi. Una prestazione controllata per il quartetto italiano che chiude quinto in 1'33"60. Comanda la Russia campione uscente e vicecampione europea in 1'32"52. Quartetto rimescolato rispetto al crack del 3 novembre scorso: parte Lorenzo Mora, novello argento iridato, in 23"65, seguono Nicolò Martinenghi in 26"00, l'inedito Michele Lamberti a farfalla in 22"84 e Thomas Ceccon chiude in 21"11. Terza finale su tre per Ilaria Cusinato. La 21enne di Cittadella, tesserata per Fiamme Oro e Team Veneto, conferma le buone sensazione destate durante tutto il campionato e chiude in 2'07"70. Guida le batterie l'americana, bronzo olimpico, Kate Douglass (2'04"24). Un posto al sole anche nei 400 misti. Alberto Razzetti parte alla scalata di un'altra ardua impresa, regalandosi la terza finale individuale dopo l'oro nei 200 farfalla e il bronzo nei 200 misti: in finale accede con un comodo sesto crono di 4'05"50. Comanda il campione uscente, il giapponese Daiya Seto con 4'00"84. Entrambe avanti le farfalle tricolori. Elena Di Liddo è sesta in 56"95, mentre Ilaria Bianchi passa sedicesima in 57"40 nei 100 farfalla. In testa la campionessa dei 100 dorso, la svedese Louise Hansson, in 56"04. Doppietta d'autore anche nella velocità. Alessandro Miressi stampa il secondo crono dei 100 stile libero in 46"30 mentre Lorenzo Zazzeri, già quarto nei 50, è 15esimo in 47"27. Al comando per ora il ventenne rookie canadese Joshua Liendo Edwards in 46"26. Una ritrovata Silvia Di Pietro torna a sprintare insieme al gotha della supervelocità e agguanta la semfinale dei 50 stile libero col nono crono di 24"14. La pluricampionessa Sara Sjoestroem è agevolmente al comando in 23"31. Fuori Costanza Cocconcelli (Fiamme Gialle / NC Azzurra 91), prima delle escluse con 24"56. Stanco e felice Nicolò Martinenghi, che dopo la staffetta mista si rituffa nei suoi 50 rana. L'argento iridato nei 100, prova la scalata mondiale anche nella rana veloce chiudendo quarto in 26"02. Davanti a tutti il bielorusso Ilya Shymanovich in 25"77. (ITALPRESS). mc/com 20-Dic-21 10:19

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Galli “Il Milan non è più brillante, Commisso tenga Vlahovic”

Articolo successivo

Il Pallone Racconta – L’Inter in anticipo campione d’Inverno

0  0,00