Draghi “Grazie ai vaccini siamo ripartiti, ma serve cautela”

1 minuto di lettura

ROMA (ITALPRESS) – "La campagna di vaccinazione ci ha permesso di salvare vite e di riaprire l'economia, le scuole, i luoghi della nostra socialità. L'arrivo della stagione invernale e la diffusione della variante Omicron ci obbligano però alla massima cautela nella gestione dei prossimi mesi". Lo ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi, nel suo intervento alla cerimonia di chiusura della XIV Conferenza degli Ambasciatori e delle Ambasciatrici d'Italia nel mondo. "Il contrasto alla pandemia non è una questione soltanto interna, ma un tema centrale per la politica estera. Durante la presidenza del G20, abbiamo incoraggiato la comunità globale a "vaccinare il mondo", per aiutare i cittadini dei Paesi più vulnerabili e ridurre il rischio di nuove varianti – ha proseguito il premier -. Il Global Health Summit dello scorso maggio a Roma ha visto i Paesi più ricchi e le case farmaceutiche impegnarsi a donare un numero considerevole di dosi. Dobbiamo mantenere queste promesse e assicurarci che i vaccini arrivino chi ne ha bisogno. L'Italia sostiene l'ambizione di vaccinare il 70% della popolazione di tutti i Paesi entro metà 2022. Quest'obiettivo ora deve essere raggiunto". (ITALPRESS). sat/red 21-Dic-21 16:21

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Menarini, acquisiti i diritti per la commercializzazione di Nexpovio

Articolo successivo

Educazione finanziaria, un premio per 61 studenti “fuoriclasse”

0  0,00