La magia de Il canto dei Venti di Peter Dundakov

2 minuti di lettura

Dopo averlo annunciato nei giorni scorsi, abbiamo voluto assistere il 16 dicembre scorso a Il canto dei venti di Peter Dundakov. Lo scenario era quello del Conservatorio di Santa Cecilia di Roma e, fra le rosse poltrone di velluto, abbiamo assistito ad un lavoro affascinante capace di riunire jazz, musica classica e folklore in un potente lavoro multimediale.

Dundakov, d’altra parte, è attualmente uno degli esponenti più celebri della scena musicale moderna bulgara, e ci ha regalato un’opera che, dipanandosi in una serie di quadri, brani originali per orchestra d’archi, soprano, flicorno e fonogramma ispirati al tema del vento, ci avvolge in un insieme musicale poliedrico e pieno di fascino. Un’ora intensa di pure emozioni accompagnate dalle immagini di Ivan Bogdanov e dalla suggestione di questo luogo simbolo della grande musica. Un luogo che, per questo progetto, ha un significato iconico, proprio per la trasversalità della scrittura di questo autore che nella propria creatività ha proprio la riscrittura contemporanea della grande classica, il mescolarsi in totale semplicità di linguaggi musicali diversi tra di loro capaci di oltrepassare i confini precostituiti fra le forme e i generi e di raccontare con una nuova poesia il gesto dell’incontro fra uomo e natura.

Sul palco insieme al compositore alcuni dei più rinomati musicisti bulgari: l’orchestra da camera dei Sofia Soloists diretti dalla prestigiosa bacchetta del Maestro Plamen Djurov, con i solisti Rosen Zahariev alla tromba, Gergana Dimitrova (solista de “Il mistero delle voci bulgare” ed “Eva Quartet”) e Plamena Girginova (solista del Teatro dell’Opera di Stato di Plovdiv). Alla parte video il pluripremiato Ivan Bogdanov.

Vale la pena ricordare che il progetto è stato proposto all’interno delle iniziative di Eunic Europa in Musica, è supportato naturalmente dal Ministero della Cultura della Bulgaria e arriva a Roma grazie alla collaborazione con l’Istituto bulgaro di cultura a Roma.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

A Milano porte chiuse nei negozi per non sprecare energia e calore

Articolo successivo

Tg News – 21/12/2021

0  0,00