Roma, al Museo Barracco l’antichità incontra l’innovazione sostenibile

3 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – Doppia novità al Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco di Roma. A partire dal 6 gennaio i visitatori avranno l'opportunità di approfondire una selezione di opere della collezione permanente attraverso l'esperienza innovativa offerta dal progetto Li-Fi, una modalità di visita con tecnologia senza fili promosso da Roma Culture, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e presentato dalle aziende To Be Srl, DB Ingegneria dell'immagine Srl e Tecno Electric Srl con il sostegno dell'Unione Europea. Il progetto fa parte dei 43 vincitori – su 126 partecipanti – del bando "L'impresa fa Cultura" indetto dalla Regione Lazio per promuovere, attraverso l'uso di nuove tecnologie, il patrimonio culturale del Lazio. Il Museo Barracco è tra i primi musei al mondo a dotarsi del sistema Li-Fi, acronimo di Light Fidelity. Un meccanismo di comunicazione tra i più moderni e innovativi che consente di trasmettere informazioni e immagini in modalità wireless, mediante la modulazione della luce, da appositi faretti LED (trasmettitori)ai dispositivi mobili dei visitatori dotati di fotocamera (ricevitori). Per fruire dei contenuti multimediali di approfondimento, rispetto al percorso di visita ordinario, basterà scaricare l'apposita App e posizionare lo smartphone o il tablet sotto la luce del faretto Li-Fi. Una soluzione realizzata con attenzione a modalità di fruizione 'non tradizionali': è presente infatti una doppia modalità di fruizione, sia per vedenti che per non vedenti (o ipovedenti), grazie all'utilizzo di tracce audio realizzate a partire dai contenuti testuali. La tecnologia si potrà sperimentare al Museo Barracco fino al 20 febbraio 2022, con possibilità di proroga. La sperimentazione coinvolgerà una selezione di 14 punti di interesse, di cui 9 nelle sale al piano terra e al primo piano e 5 nella cosiddetta Casa romana, risalente nelle sue principali strutture documentate al IV secolo d.C. e situata nei sotterranei del museo, che riapre al pubblico per l'occasione dopo oltre 20 anni di chiusura. La scoperta dei resti nei sotterranei del Museo Barracco è fortuita e risale al 1899, nel corso dei lavori di parziale demolizione dell'edificio rinascimentale, che dal 1948 ospita il Museo, realizzati per l'apertura del nuovo asse viario di Corso Vittorio Emanuele. (ITALPRESS). mgg/fsc/com 05-Gen-22 12:59

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Simone De Beauvoir: il coraggio di essere donna

Articolo successivo

Covid, il Pd chiederà l’obbligo vaccinale in cabina di regia e Cdm

0  0,00