Jeep Renegade e Compass adesso anche solo E-Hybrid

2 minuti di lettura

TORINO (ITALPRESS) – Con la versione E-Hybrid la gamma di Renegade e Compass si completa. Le due "piccole" di casa Jeep sono infatti in vendita con i motori termici e benzina, nella versione ibrida Plug-In e finalmente solo ibrida. A spingere entrambe i modelli c'è il motore benzina da 1.3 litri, che grazie a un lavoro sull'alesaggio dei quattro cilindri è stato spinto fino a 1.5 litri che sono in grado di erogare 130 CV 240 Nm. Il nuovo motore a 4 cilindri turbo, della famiglia Global Small Engine, è stato progettato per essere il più adatto all'uso ibrido. La potenza viene gestita in maniera un po' troppo sportiva da un nuovo cambio a 7 velocità a doppia frizione, che integra un motore elettrico da 48 Volt e 15 kW. La batteria raffreddata ad acqua include un convertitore CC/CC da 48 a 12 Volt, e un Belt Starter Generator è stato introdotto per un riavvio graduale del motore a bassa velocità, aumentando così il comfort. La potenza poi, non manca mai grazie a un elevato rapporto di compressione (12.5:1) del turbo, che migliora anche l'efficienza termica riducendo in tal modo il consumo di carburante. Le performance sono identiche così come la risposta in strada a media e alta velocità, sia per Renegade che per Compass, con quest'ultimo che si conferma il migliore a livello di dinamicità nei cambi di direzione repentini. Renegade è più agile, ma nell'utilizzo il motore appare più scattante. La massa dei due veicoli, in accelerazione si fa sentire, così come in frenata. Tutto molto Jeep, viene da dire. Tra le novità il sistema Silent Start, che avvia il veicolo senza accendere la motorizzazione benzina, a cui ci si abitua in fretta. Ottimo il sistema di Energy Recovery, che ricarica le batterie durante la decelerazione (e-Coasting) e in fase di frenata (Regenerative Braking). Le due E-Hybrid hanno poi molti altri sistemi di risparmio nei consumi montati a bordo, c'è l'e-Queuing che attiva lo stop & go elettrico quando si è bloccati nel traffico, l'e-Boosting aumenta la coppia alle ruote con il supporto del motore elettrico durante l'accelerazione ed infinle l'e-Parking che semplifica le manovre di parcheggio e le esegue in modalità EV, silenziosamente e a zero emissioni. Infine il nuovo sistema Highway Assist permette a Compass di raggiungere il livello 2 di guida autonoma. Questi nuovi modelli rientrano nella strategia di elettrificazione di Jeep per raggiungere la più completa "Zero Emission Freedom". "Procede spedito il nostro piano di elettrificazione avviato alla fine del 2020 con il lancio della tecnologia 4xe Plug-In Hybrid sui SUV Compass, Renegade e Wrangler – dichiara Antonella Bruno, Head of Jeep Brand in Europa – quest'estate debutterà la nuova ammiraglia Jeep Grand Cherokee nella sola versione 4xe e all'inizio del 2023 sarà lanciato il primo SUV Jeep 100% elettrico. È una svolta storica per il marchio Jeep, un segno della nostra volontà di proseguire a passo deciso verso una libertà 100% elettrificata". Già nel 2021 in Europa, su quattro SUV Jeep venduti uno era 4xe. Un dato rilevante che addirittura migliora nei primi due mesi del 2022 che è cresciuto fino ad arrivare a 1 su 3. E in Italia Jeep ha raggiunto la leadership dei Lev, ovvero di tutte le vetture "con la spina", Bev e Phev. E-Hybrid di Compass e Renegade in fase di lancio vengono proposte nella versione Upland, creata per sottolineare l'attenzione verso l'ambiente e contraddistinta da inediti dettagli estetici, l'utilizzo di materiali riciclati e componenti 'ecofriendly', ad esempio parte del tessuto dei sedili realizzato utilizzando plastiche recuperate in mare. C'è poi la versione top di gamma S che, su Renegade, si contraddistingue per gli esclusivi cerchi in lega da 19" bicolore, le finiture esterne brunite e il sistema di parcheggio automatico. (ITALPRESS). jp/tvi/red 09-Mar-22 16:40

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Malagò “Il caso Arianna Fontana va risolto nell’interesse di tutti”

Articolo successivo

“Al cuore del diabete”, al Gemelli si riuniscono esperti

0  0,00