Suzuki presenta la GSX-S125, la naked ottavo di litro

2 minuti di lettura

TORINO (ITALPRESS) – La Suzuki GSX-S125 rientra in gamma rinnovata ed è pronta a rivendicare il suo ruolo nel segmento delle naked ottavo di litro. La nuova edizione è spinta dall'apprezzato motore monocilindrico bialbero raffreddato a liquido aggiornato per rispettare i severi limiti della normativa Euro 5. Questa unità abbina una maggior efficienza e una grande attenzione all'ambiente a un'erogazione fluida e vivace. Il suo temperamento si sposa alla perfezione con le caratteristiche della ciclistica, che si dimostra al tempo stesso agile, compatta ed equilibrata, per la gioia dei giovani che vogliono affinare le loro doti di guida e in generale di tutti coloro che desiderano un mezzo leggero, coinvolgente e accessibile. La GSX-S125 può essere guidata in Italia sia con la patente A1, quella che si può conseguire a sedici anni, sia con la patente B. La GSX-S125 è proposta in tre nuove colorazioni, movimentate da suggestive e inedite grafiche. Il Blu Baltimora rende omaggio alla tradizione delle sportive stradali Suzuki, mentre il Nero Detroit, accostato a ruote blu, evoca invece sofisticate atmosfere urbane. Il Bianco Seattle, con cerchi rossi, rappresenta invece la scelta più anticonformista e scanzonata. La Suzuki GSX-S125 vanta alcuni primati, uno è l'essere la moto con il miglior rapporto peso/potenza della sua categoria. I progettisti hanno lavorato in maniera meticolosa per ridurre la massa di ogni componente. Basti pensare, per esempio, che il telaio è di 3 kg più leggero di quello delle rivali di riferimento. Ciò consente prestazioni eccellenti, sia in accelerazione sia a livello di velocità massima, sempre ottenendo bassi consumi. Sfruttando l'esperienza maturata con le plurivittoriose GSX-R, i motoristi di Hamamatsu hanno definito con cura alesaggio, corsa e rapporto di compressione, oltre all'angolo incluso tra le valvole e il loro diametro. Per ottenere il massimo in termini di brillantezza hanno poi scelto iniettori a quattro fori, che lavorano abbinati a un corpo farfallato da 32 mm e a un airbox da 4,3 litri. L'impianto di scarico adotta un silenziatore a doppia uscita e un catalizzatore che porta le emissioni al di sotto dei limiti di omologazione Euro 5. Un importante contributo all'efficienza complessiva viene anche dalla riduzione degli attriti interni, ottenuta grazie e soprattutto al trattamento SCEM per la canna del cilindro e a un pistone con fasce elastiche molti sottili. La Suzuki GSX-S125 è inoltre il modello con la sella più bassa e l'interasse più corto tra le 125 stradali d'impostazione sportiva. Ciò permette a qualsiasi pilota di poggiare saldamente i piedi a terra e regala alla moto un'agilità impareggiabile nel traffico, complice un angolo di sterzo di ben 40 gradi. Per sfruttare al meglio questa maneggevolezza i progettisti hanno studiato una posizione di guida eretta, che garantisce allo stesso tempo comfort e padronanza assoluta. Le sovrastrutture snelle e filanti rendono la linea della GSX-S125 scattante complice anche il grintoso cupolino con luci sovrapposte a LED che pare protendersi in avanti. All'interno del cupolino si trova una ricca strumentazione digitale LCD, che include un utile computer di bordo ed è affiancata da una nutrita serie di spie che permettono al pilota una guida sempre in condizione di massima sicurezza e controllo. Tra i componenti di pregio della ciclistica spiccano i dischi freno a margherita, sui cui interventi vigila un sistema ABS Bosch di ultima generazione del peso di appena 590 grammi. Entrambi i cerchi sono da 17 pollici e montano pneumatici sviluppati in collaborazione con Dunlop per garantire la massima stabilità in rettilineo e un comportamento esemplare in curva. La Suzuki GSX-S125 è già ordinabile sia sull'e-commerce di Suzuki attraverso la piattaforma Suzuki Smart Buy sia presso la rete dei concessionari Suzuki a un prezzo di 4.290 Euro (IVA inclusa, franco concessionario) e le prime consegne sono in programma per il mese di giugno. (ITALPRESS). tvi/com 10-Mar-22 18:59

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Dal Consiglio dei Ministri un ddl per la montagna

Articolo successivo

Pirelli, al via la produzione di pneumatici cycling a Bollate

0  0,00