Dal 2025 versione elettrica per tutte le Maserati, comincia Granturismo

1 minuto di lettura

MODENA (ITALPRESS) – "Maserati sta preparando la via per essere il primo marchio di lusso a lanciare un'auto sportiva 100% elettrica. Maserati sarà benchmark in ogni segmento di mercato e sarà il primo luxury brand a completare la line-up elettrica entro il 2025". Così il ceo di Maserati, Davide Grasso, nel corso della conferenza stampa di presentazione dei risultati 2021 e delle strategie del Tridente svoltasi on-line oggi. La svolta green era stata anticipata il primo marzo scorso dal ceo di Stellantis, Carlo Tavares, durante la presentazione del piano "Dare Forward 2030". "A settembre abbiamo completato il rilancio del brand e ora Maserati è pronta a lanciare sul mercato Folgore, la nuova gamma 100% elettrica. Il turnaround è finito, e ora proseguiamo nella crescita e nello sviluppo" ha proseguito il manager. La strategia full-electric Folgore è stata sviluppata tenendo conto delle esigenze del cliente, posto sempre al centro di ogni singolo prodotto, e del DNA del Brand. Tutte le vetture saranno assemblate in Italia. La nuova GranTurismo sarà la prima vettura nella storia di Maserati ad adottare soluzioni 100% elettriche. Prodotta presso il polo produttivo di Mirafiori, debutterà sul mercato nel 2023. Vera icona del Brand, offrirà soluzioni tecniche d'avanguardia derivate dalla Formula E, prestazioni di assoluto rilievo, comfort ed eleganza tipiche del Tridente. Anche il nuovo SUV Grecale, il cui lancio è previsto tra qualche giorno, sarà disponibile nella versione elettrica nel corso del prossimo anno. Nel 2021 l'unico brand luxury del gruppo Stellantis ha riportato un aumento della sua quota di mercato globale al 2,4%, con quote rispettivamente del 2,9% e del 2,7% in Nord America e Cina. Lo scorso anno, Maserati ha registrato anche una solida crescita delle vendite pari al 41% su base annua con un totale di 24.269 veicoli consegnati ai clienti in tutto il mondo. Il margine del risultato operativo rettificato (AOI) è stato del 5,1% e i ricavi netti sono stati pari a 2.021 milioni di euro. "La carenza di chip è una grande sfida ma abbiamo il grande vantaggio di essere parte del gruppo Stellantis e quindi di ottimizzare l'approvvigionamento" ha sottolineato Grasso, che ha poi concluso con una sorpresa: "Tornare a correre in Formula 1 non è nei nostri piani ma mai dire mai". E qualcuno già sogna. (ITALPRESS). jp/tvi/red 17-Mar-22 17:27

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Musumeci: “Perché non ricandidarmi? L’unità del centrodestra arriverà”

Articolo successivo

Tg Economia – 17/3/2022

0  0,00