I putiniani e il trasformismo: due strade destinante a incontrarsi

1 minuto di lettura

Come in tutte le situazioni più scomode c’è chi, al presentarsi di un problema, capovolge i propri ideali e convinzioni a favore del vento e nel caso dell’attuale guerra russo-ucraina, diversi putiniani, od ormai ex putiniani, non hanno smentito tale teoria ben decidendo di non pronunciarsi e non pronunciare la fatidica parola: Putin. Ma ci sarà stato realmente un cambiamento di pensiero a seguito delle correnti azioni riprovevoli del capo del Cremlino o sarà solo una superficiale facciata volta a nascondere in una situazione di crisi il proprio vero essere putiniano?

Prima dell’attacco del presidente russo all’alba del 24 febbraio 2022 nei confronti dell’Ucraina, la maggioranza dei politici italiani, che fosse per ragioni economiche o prettamente politiche, si era sempre mostrata, attraverso dichiarazioni più o meno esplicite, putiniana.

Allo scoppiare del conflitto molti di essi, a partire da Berlusconi fino ad arrivare a Salvini e Conte, da sempre grandi sostenitori di Putin, hanno improvvisamente cambiato direzione, in alcuni casi cessando di nominare Putin o in altri casi dichiarandosi profondamente delusi, al fine ultimo di spacciarsi per non-putiniani, e quindi condannare ogni azione bellica al cospetto della pace.

Tutto ciò però sempre mantenendo una certa posizione ondivaga, onde evitare di esporsi quanto dovuto e tenere di conseguenza “due piedi in una scarpa”, o almeno tentare di farlo con i meno attenti. Dunque potremmo dire di trovarci di fronte a un modo di esporsi che potrebbe essere associato a un atteggiamento di puro trasformismo, nonché uno scaltro passaggio di posizioni del quale il nostro governo, e non solo, è decisamente assuefatto.

 

di Marta Gentile

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Zelensky sfida le Nazioni Unite con la “nuova Norimberga

Articolo successivo

Che fine hanno fatto le sardine?

0  0,00