Sanità privata, Cimo sostiene stato agitazione, Aiop “Pronti al dialogo”

1 minuto di lettura

ROMA (ITALPRESS) – La Federazione CIMO-FESMED sostiene il Consiglio Direttivo Nazionale della CIMOP e condivide la decisione di proclamare lo stato di agitazione dei medici della sanità privata che operano nelle strutture sanitarie associate AIOP. "Dopo 17 anni di attesa e due di pandemia, nel corso dei quali i medici dell'ospedalità privata si sono fatti carico dell'emergenza tanto quanto quelli che lavorano negli ospedali pubblici, l'ostinato rifiuto dell'AIOP di rinnovare i contratti di lavoro è inaccettabile", commenta il presidente della Federazione Guido Quici. "Auspichiamo che la richiesta di incontro con il Ministro Orlando sia urgentemente accettata e che si trovi una soluzione a questa annosa vicenda eticamente insostenibile", conclude. "Siamo, come sempre, assolutamente, disponibili al confronto per addivenire ad una definizione condivisa del Ccnl dei medici che lavorano nelle strutture di diritto privato del SSN associate Aiop. Il nostro obiettivo è quello di sottoscrivere un contratto che tenga nella giusta considerazione i problemi e le esigenze di tutti coloro che sono coinvolti", afferma Barbara Cittadini, presidente di Aiop, l'Associazione italiana ospedalità privata. "Va, comunque, rilevato – continua Cittadini – che esiste già un tavolo di confronto Aiop, Cimop, Regioni e Ministero della Salute. Un tavolo dove ci è stato, espressamente, chiesto, dal Ministero, di valutare l'entità dell'impatto del contratto dal punto di vista economico. Abbiamo, quindi, elaborato uno studio con l'obiettivo di capire i costi da sostenere e siamo in attesa di essere convocati, insieme alla parte sindacale, dal Ministero e dalle Regioni. Desidero, per altro, ricordare che il rinnovo di un contratto, come previsto dalla legge, dovrebbe essere conseguente, ad un rinnovo delle tariffe che, purtroppo, viceversa, sono datate e scollegate dalle reali voci di costo delle prestazioni". "Nonostante questo, siamo , comunque, disponibili, una volta ancora, ad ovviare a questo irrisolto problema – conclude la presidente di Aiop – così come abbiamo dimostrato, trovando una soluzione idonea, equilibrata e coerente per il contratto del personale non medico. Occorre però una soluzione condivisa con le istituzioni che garantisca tutti gli interlocutori di questa delicatissima vicenda". (ITALPRESS). sat/red 15-Apr-22 16:36

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Turismo, Pecoraro Scanio: “Servono investimenti e formazione”

Articolo successivo

Calcio: Cioffi “Grande rispetto per l’Empoli, dispiace il ko di Beto”

0  0,00