Ferrari 296 GTS, la nuova berlinetta sportiva spider V6

2 minuti di lettura

MARANELLO (ITALPRESS)- Ferrari presenta la 296 GTS, la più recente evoluzione del concetto di berlinetta sportiva spider a 2 posti e motore centrale-posteriore della Casa di Maranello, che offre emozioni pure non solo alla ricerca delle massime prestazioni, ma anche nella guida di tutti i giorni. La vettura utilizza la nuova motorizzazione V6 turbo a 120° da 663 cv accoppiata a un motore elettrico in grado di erogare ulteriori 122 kW (167 cv) presentata in anteprima sulla 296 GTB. Si tratta del primo 6 cilindri della storia per una vettura spider stradale che porta il logo del Cavallino Rampante, con 830 cv complessivi. Il sistema elettrico plug-in (PHEV) della 296 GTS le garantisce un'elevatissima fruibilità, l'azzeramento della risposta al pedale e 25 km di autonomia full-electric. La compattezza della vettura e l'introduzione di innovativi sistemi di controllo dinamico, nonché di un'aerodinamica affinata in tutte le sue parti, le consentono di far percepire immediatamente al pilota l'agilità e la risposta ai comandi. Il tetto retrattile rigido RHT garantisce grande comfort di bordo. A tetto aperto disegna linee sportive e filanti, mentre a tetto chiuso la silhouette resta molto fedele a quella della 296 GTB. La soluzione, dal peso contenuto, impiega 14 secondi ad abbassarsi o alzarsi, anche in movimento fino a 45 km/h. Il gruppo motopropulsore è composto da un motore endotermico V6 turbo che fornisce coppia e potenza alle ruote posteriori grazie al cambio DCT a 8 rapporti con Ediff , nonché dalla macchina elettrica MGU-K posizionata tra motore e cambio e in asse con il motore termico. La frizione, posta tra motore termico ed elettrico, si occupa del disaccoppiamento dei due elementi in condizioni di marcia elettrica. Completano il powertrain della vettura la batteria ad alto voltaggio e l'inverter che fornisce potenza ai motori elettrici. Per garantire un livello di comfort di bordo degno di una berlinetta spider Ferrari sono state sviluppate soluzioni che mirano a contrastare l'innesco delle turbolenze interne al cockpit e a gestire i ricircoli d'aria attorno ai due occupanti. La geometria della finizione dietro ai poggiatesta dei sedili è stata ottimizzata per agevolare il deflusso d'aria sul tonneau cover, in modo da ridurre al minimo la quantità di flusso ricircolante all'interno dell'abitacolo. Anche sulla 296 GTS l'elemento dominante rimane il caratteristico flying bridge. L'effetto è quello di una cabina compatta e integrata a parafanghi e fiancata, in cui il tema dell'arco rampante viene rafforzato grazie a due inedite nervature dorsali che rappresentano la vera novità di design della vettura. Gli interni rimarcano il concetto di pulizia formale tramite una semplificazione delle forme che integra i contenuti tecnologici all'interno di rivestimenti sobri. Chi desidera sfruttare al massimo le caratteristiche più estreme della vettura può configurare la 296 GTS in allestimento Assetto Fiorano, ottenendo così le migliori performance grazie a significativi contenuti aerodinamici e di riduzione peso. Tra questi ultimi spiccano gli ammortizzatori Multimatic derivati dalle competizioni GT, dotati di regolazione fissa ottimizzata per l'utilizzo in pista ; le appendici ad alto carico in fibra di carbonio sul paraurti anteriore che permettono alla vettura di ottenere fino a 10 kg di carico verticale in più; e l'esteso impiego di materiali leggeri come la fibra di carbonio sia negli interni, sia negli esterni della vettura. (ITALPRESS). ads/com 19-Apr-22 17:24

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Fiat Tipo “arruolata” nell’arma dei Carabinieri

Articolo successivo

Covid, 27.214 nuovi casi e 127 decessi nelle ultime 24 ore

0  0,00