Palermo, i big dell’arte contemporanea a Palazzo Reale per la mostra .RE

4 minuti di lettura

PALERMO (ITALPRESS) – Concreta. Potente (artisticamente). Irriverente. Non conformista. .RE è una mostra autoriale della Fondazione Federico II che ha l'intento di spalancare le porte, nell'era del virtuale, a riflessioni sulla "realtà reale" per una rinascita collettiva. Sedici artisti, sedici personalità culturali differenti dell'arte contemporanea che, dagli anni Sessanta ad oggi, si sono fatti interpreti della nostra epoca. È stata presentata alla stampa, questa mattina, al Palazzo Reale la mostra .RE dal presidente della Fondazione Federico II, Gianfranco Miccichè e dal direttore generale, Patrizia Monterosso. Ventotto opere in mostra che enfatizzano lo stupore e la meraviglia nel mondo per non essere sopraffatti dalle ferite dei nostri tempi quali la disumanizzazione dilagante, le guerre, la pandemia. L'allestimento presso le Sala Duca di Montalto, a Palazzo Reale, evita ogni scorciatoia tipica dei fondamentalismi per accogliere la ricchezza delle differenze contro una lettura che ammette un solo linguaggio, una sola voce, una singola storia. Opere che adottano la linea di un umanesimo preparatorio e si aprono a nuove fasi di Rinascimento. Alberto Burri, Saint Clair Cemin, Tony Cragg, Zhang Hong Mei, Anselm Kiefer, Jeff Koons, Sol LeWitt, Emil Lukas, Mimmo Paladino, Claudio Parmiggiani, Giuseppe Penone, Michelangelo Pistoletto, Tania Pistone, Andres Serrano, Ai Wewei e Gilberto Zorio. Artisti che, a proprio modo, hanno travalicato le sclerotizzazioni delle visioni del mondo, recuperando il senso profondo tra arte e concetto, tra concetto e parola, tra visione individuale e collettiva, tra atroce e banale, tra etica e critica sociale. Artisti che hanno, certamente, il merito di avere concepito l'arte come leva di resistenza ad una civiltà connotata spesso dalla semplificazione tanto da ridurre, talvolta, l'arte a rappresentazione effimera della realtà. "Dopo questi anni la Fondazione Federico II – sottolinea Miccichè – ha avuto un livello di crescita d'immagine in Italia e in tutto il mondo. Io non so chi sarà il prossimo presidente dell'Ars e quindi della Fondazione Federico II, ma la mia richiesta e il mio appello, sin d'ora, è che non si perda il lavoro fin qui svolto. Questa mostra consolida, ulteriormente, l'idea che sia stato creato uno spazio culturale di altissimo profilo nazionale ed internazionale. In un momento in cui la pandemia chiudeva ogni cosa la progettualità della Fondazione Federico II non ha mai cessato e ha prodotto mostre ed eventi di pregio e di altissimo valore. Perché la depressione si cura con la cultura e con l'arte". La mostra .RE aprirà il 22 aprile a Palazzo Reale (Sale Duca di Montalto) e aspira a porre Palermo come capitale dell'arte contemporanea, proprio nel periodo chiave di una rinascita collettiva. Il percorso di costante crescita della Fondazione Federico II degli ultimi quattro anni ha consentito di confrontarsi con alcuni tra i maggiori esponenti dell'arte contemporanea a livello mondiale. Il titolo della mostra evoca da subito il senso del progetto. Ossia l'esigenza e lo slancio vitale a rielaborare e riorganizzare le proprie azioni dopo eventi stravolgenti e annichilenti come la pandemia, la regressione democratica e la guerra. "L'idea progettuale di questa mostra è stata concepita con il presidente della Fondazione Federico II, Gianfranco Miccichè – dice Patrizia Monterosso, direttore generale della Fondazione -. La degenerazione di un'umanizzazione che ha portato la guerra, la pandemia hanno creato una crisi tale da mettere in discussione i vecchi paradigmi. Era necessario, quindi, pensare, a una mostra che ci facesse riflettere attraverso un'arte che sana le ferite. Sedici artisti per ventotto opere secondo una lettura che non è univoca ma molteplice. Una mostra per la riconcezione di una religiosità e un assoluto che va concepito partendo dai mali del mondo riconciliandosi con una forma che energia; tra opere, quadri, dipinti, sculture secondo un'articolazione inaspettata. Una mostra irriverente contro gli assolutismi e gli iper-individualismi. Già la mostra di McCurry ne è testimonianza". Sedici grandi artisti contemporanei simboleggiano sedici cammini per schiudere la riflessione sulla realtà. Sedici sensibilità artistiche sferzanti che hanno scelto di sviluppare espressioni artistiche non nella direzione della disumanizzazione o del post – umano. Sedici artisti, puntando il dito nella piaga di un ridente conformismo che spesso ha lacerato la creatività, immergono il fruitore in una dimensione riflessiva e di funzione sociale dell'opera d'arte. Un posto speciale in mostra lo occupano tutte le opere. La Fondazione Federico II, anche questa volta, non poteva però tralasciare, pur guardando ad un orizzonte internazionale, il legame con la propria terra. Il Grande Bianco Cretto in mostra, quindi, Burri, rimanda il visitatore all'elaborazione di un lutto per le ferite del suolo. Insieme al Grande Bianco Cretto di Alberto Burri poi Human conditions Zhang Hong Mei; Sunflower Seeds e Finger di Ai Wewei; Skull di Tony Cragg; Saint Clair Cemin, con l'opera Sphere; Blue Heart #0987 di Emil Lukas; Gilberto Zorio, in mostra con Monotype. .RE intende accendere la luce anche su questi temi terribilmente attuali. Tra le ventotto opere in mostra vi sono anche sculture che focalizzano il dibattito nell'arte del rapporto tra materia-forma. Scultura intesa non come monumentalità morte e inerti. Pistoletto, in mostra, con la Venere degli stracci, la sfera dei giornali e Autoritratto con quaderno Terzo Paradiso trasmette una dimensione artistica ponendo la scultura "in condizione di instabilità, di mancanza di controllo, per risuscitarla e risvelarla". Miti e rappresentazioni simboliche dell'antichità sono il racconto di Mimmo Paladino in mostra con Hortus conclusus e Testimone. Arte povera come ricerca analitica e concettuale, come dialogo con la natura: Penone e la sua Trentatré erbe. Arte che affronta il grande tema del sentimento religioso non come liberazione dal mondo con l'opera di Claudio Parmiggiani. Il sentimento dell'assoluto affrontato nell'opera The Black Supper di Andres Serrano. La Fondazione Federico II ha individuato opere che recuperano e danno respiro a grandi temi, ivi compreso il concetto di arcaicità come ponte tra due mondi e come tentativo dell'uomo contemporaneo per recuperare le visioni di quel mondo che vive in noi. Simboli del passato che riprendono vita tramite la lunga linea del tempo e di tradizioni ancestrali. Rongorongo è l'opera di Tania Pistone dove la scrittura ancestrale diviene protagonista di una composizione che in una tessera dorata (l'opera si caratterizza per un fondo dorato) di un mosaico (la complessità dei linguaggi) crea un bassorilievo dove l'essenzialità dei segni è generativa di nuovi linguaggi e di nuovi contenuti. L'immediata dimensione ludica e infantile dell'opera Ballon dog di Jeff Koons. Un vero e proprio feticcio del rapporto dell'arte con la vita. Sol Lewitt esprime la sua idea di arte concettuale: è l'idea che crea materia. L'idea libera l'arte dalla sottomissione della materia. Forme semplificate, essenziali. Sculture come strutture primarie: un minimalismo che riscopre un nuovo rapporto con lo spirito, il volume e le superfici. .RE, aperta fino al 31 ottobre 2022, è la mostra voluta dalla Fondazione Federico II per affermare la convinzione che l'arte e la cultura forse non salveranno il mondo ma ci salveranno dall'atrofia della coscienza. – foto ufficio stampa Fondazione Federico II – (ITALPRESS). fsc/com 21-Apr-22 15:17

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Sanità, Oliveti “Presenza importante di prepensionamenti”

Articolo successivo

Calcio: ManUtd. Ten Hag “Conosco storia club, onorato ed entusiasta”

0  0,00