Diego Catania “Rilancio del servizio sanitario passa dalla…

1 minuto di lettura

VARESE (ITALPRESS) – Si è svolto, presso la sala convegni dell'Ufficio Territoriale Regionale di Varese, un incontro fra i principali rappresentanti istituzionali delle Professioni Sanitarie in Lombardia e il Presidente della III Commissione Sanità e Politiche Sociali, Emanuele Monti. Al centro del dialogo, il ruolo delle Professioni Sanitarie nell'evoluzione del Sistema Socio-Sanitario regionale delineato dalla Legge regionale 22/2021. Fra gli interlocutori presenti, Diego Catania, Vicepresidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione e Presidente dell'Ordine TSRM e PSTRP di Milano e province, è intervenuto sul tema del servizio sanitario nazionale: "Il rilancio del servizio sanitario deve passare necessariamente dalla multidisciplinarietà, in linea con quanto richiamato dal DM 71, in cui sono esplicitamente nominate le Professioni Sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione". Anche Elena Cossa, Presidente dell'Ordine TSRM e PSTRP di Varese, ha sostenuto un modello improntato alla sinergia e alla continuità assistenziale: "Occorre progettare un sistema che ponga davvero al centro la persona, responsabilizzando tutti i profili coinvolti nel percorso terapeutico. Le 19 Professioni afferenti agli Ordini TSRM e PSTRP devono essere inserite nel contesto territoriale, dove collaboreranno con gli altri operatori sanitari per una presa in carico a tutto tondo del bisogno di salute". Sul tema della sanità territoriale si è espresso nuovamente Catania, focalizzandosi sull'impianto organizzativo previsto dal PNRR e accolto dalla nuova Legge Regionale: "Gli snodi portanti della rete dei servizi, Case e Ospedali di Comunità, dovranno valorizzare la sanità d'equipe e rispettare la composizione minima di Professionisti Sanitari di area tecnico-diagnostica e assistenziale, della riabilitazione e della prevenzione. Solo integrando competenze specifiche e diversificate, infatti, tali strutture potranno rivelarsi valide risorse per la cittadinanza; in caso contrario, rimarranno cattedrali nel deserto". foto ufficio stampa Ordine TSRM e PSTRP di Milano (ITALPRESS). vbo/com 19-Mag-22 19:41

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Vaiolo scimmie, Rezza “Allertate regioni per monitoraggio casi”

Articolo successivo

Ddl Concorrenza, ok del Cdm a porre la questione di fiducia

0  0,00