Da Commissione Ue stop patto stabilità anche per 2023, richiamo a Italia

1 minuto di lettura

BRUXELLES (BELGIO) (ITALPRESS) – Le previsioni economiche di primavera della Commissione Ue, prevedono che l'economia dell'Ue continuerà a crescere nel 2022 e nel 2023. Tuttavia, mentre l'economia dell'Ue continua a mostrare resilienza, la guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina ha creato un nuovo ambiente, esacerbando i venti contrari preesistenti alla crescita, che erano precedentemente previsto per placarsi. Inoltre pone ulteriori sfide alle economie dell'Ue in relazione alla sicurezza dell'approvvigionamento energetico e alla dipendenza dai combustibili fossili dalla Russia. La natura specifica dello shock macroeconomico provocato dall'invasione russa dell'Ucraina, nonché le sue implicazioni a lungo termine per le esigenze di sicurezza energetica dell'UE, richiedono un'attenta progettazione della politica fiscale nel 2023. La politica di bilancio dovrebbe essere prudente nel 2023, controllando la crescita della spesa primaria corrente finanziata a livello nazionale, consentendo nel contempo il funzionamento degli stabilizzatori automatici e fornendo misure temporanee e mirate per mitigare l'impatto della crisi energetica e per fornire assistenza umanitaria alle persone in fuga dall'invasione russa dell'Ucraina. Inoltre, gli Stati membri i piani di bilancio per il prossimo anno dovrebbero essere ancorati a percorsi prudenti di aggiustamento a medio termine che riflettano le sfide della sostenibilità di bilancio associate agli elevati livelli di debito/Pil che sono ulteriormente aumentati a causa della pandemia. Infine, la politica fiscale dovrebbe essere pronta ad adeguare la spesa corrente all'evolversi della situazione. La Commissione ritiene che siano soddisfatte le condizioni per mantenere la clausola di salvaguardia generale del Patto di stabilità e crescita nel 2023 e per disattivarla a partire dal 2024. Queso garantirà lo spazio affinché la politica di bilancio nazionale reagisca prontamente quando necessario, garantendo nel contempo una transizione graduale dal sostegno ampio all'economia durante i tempi della pandemia verso una crescente attenzione alle misure temporanee e mirate e alla prudenza di bilancio necessarie per garantire la sostenibilità a medio termine. La Commissione europea ha adottato una relazione sul rispetto dei criteri di disavanzo e sul debito contenuti nel Patto di stabilità per 18 Stati membri, tra cui l'Italia. Lo scopo della presente relazione è valutare il rispetto da parte degli Stati membri dei criteri di disavanzo e debito del trattato. Inoltre, tre Stati membri (Grecia, Italia e Cipro) continuano a presentare squilibri eccessivi. Il commissario europeo per l'Economia, Paolo Gentiloni, ha spiegato che "l'estensione della clausola di salvaguardia generale consentirà alle politiche fiscali nazionali di reagire rapidamente all'evolversi delle circostanze in questi tempi altamente imprevedibili. Vorrei sottolineare due messaggi chiave sulla clausola di salvaguardia generale. Primo, siamo lontani dalla normalità economica. In secondo luogo, non proponiamo un ritorno alla spesa illimitata". (ITALPRESS). -foto agenziafotogramma.it- ads/c/r 23-Mag-22 13:25

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Eni, a Torino la flotta Enjoy diventa elettrica

Articolo successivo

Mattarella “Ricordare Falcone per affrontare le sfide di oggi”

0  0,00