/

Andrea Casta in concerto per San Paolo VI

2 minuti di lettura

Domenica 29 maggio alle 21.00 il violinista bresciano celebrerà il papa Santo nella Basilica di Concesio

Domenica 29 maggio a Concesio, cittadina alle porte di Brescia che diede i natali al Papa, si terranno i festeggiamenti in onore nel nuovo patrono San Paolo VI. Per l’occasione, a chiusura delle celebrazioni, la Basilica Minore San Paolo VI (Piazza 1° Maggio – ingresso libero) alle 21.00, ospiterà il concerto evento del violinista internazionale, Andrea Casta, accompagnato dal chitarrista Paolo Zanetti, entrambi cresciuti a Concesio: Casta ci è rimasto fino ai 20 anni per poi trasferirsi a Roma, Zanetti tuttora vive lì a pochi passi dalla casa natale dove nel 1897 nacque Giovanni Battista Montini.

In memoria di San Paolo VI, ricordato anche come “il Papa degli artisti”, il concerto unirà melodie classiche e contemporanee con il desiderio di abbracciare diversi generi musicali e coinvolgere una basilica gremita dai concesiani e da tutti i bresciani appassionati della musica di Andrea Casta. Il violinista elettrico italiano più conosciuto al mondo ha saputo avvicinare le nuove generazioni al violino con un linguaggio musicale trasversale; Paolo Zanetti, che collabora con lui da anni, è uno dei chitarristi più apprezzati nel panorama pop-rock italiano e, oltre ad aver accompagnato molti big della canzone, è da tempo impegnato nei tour e nelle produzioni di Enrico Ruggeri.

I due artisti la scorsa estate si sono esibiti insieme a Brescia, al Museo Santa Giulia, durante il Festival “I volti del Romanino”, e tornano a Concesio con un repertorio in acustico selezionato per l’occasione, che spazia dalle arie sacre a Morricone, da Battisti a Bach fino alle composizioni originali di Casta.

La serata, organizzata dall’unità pastorale in collaborazione con l’amministrazione comunale di Concesio, dà il via a una stagione estiva in cui Andrea Casta tornerà ancora in terra bresciana: il 5 agosto infatti, sempre insieme a Paolo Zanetti, terrà un suggestivo concerto all’alba a Ponte di Legno -Tonale, a 2500 metri sul Corno d’Aola. Inoltre il violinista è reduce dal debutto SOLD OUT del suo tour teatrale all’Auditorium Parco della Musica di Roma con il Visual Concert che presto arriverà anche in terra bresciana.

Non suono a Concesio dai tempi del liceo – spiega Casta – sono davvero felice di tornare nella cittadina dove sono cresciuto, anche perché la Chiesa è stata il mio primo palcoscenico come per molti musicisti.” “Il ricordo di Papa Paolo VI passa anche dal suo legame con la creatività, definì l’artista “profeta e poeta, a suo modo, dell’uomo d’oggi, della sua mentalità, della società moderna – continua il violinista, che sottolinea –  tenere un concerto è l’occasione per fare una ricerca e poi offrire una sintesi agli spettatori, la figura di San Paolo VI è emblematica per lo sforzo di leggere da Papa del suo tempo i grandi cambiamenti degli anni ’60 e ’70, rivelando una straordinaria comprensione verso cattolici e laici del suo tempo e lasciandoci una preziosa eredità culturale”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Cirio “In Piemonte spenderemo bene tutti i fondi del Pnrr”

Articolo successivo

Motomondiale: Biaggi tra le leggende “Contento per i miei figli”

0  0,00