/

Le mamme contro le mascherine (e i grembiuli)

1 minuto di lettura
Con l’ultimo DPCM entrato in vigore lo scorso primo maggio sono state allentate di molto le restrizioni per il contenimento del COVID-19 che hanno dominato sul nostro paese per ben due anni. Stiamo finalmente tornando tutti alla tanto auspicata normalità, che ci ha visti, per un lungo periodo, alla mercé di una curva pandemica quasi sempre in salita… tutti tranne la scuola dove, tra le tante cose, sono ancora obbligatorie le mascherine.

In realtà considerando l’arrivo della stagione calda, la lenta discesa della curva pandemica, il fatto che questi bambini al di fuori della scuola si incontrino senza alcuna misura anti COVID-19, si sta seriamente pensando di eliminare l’obbligo di mascherina nelle scuole, perlomeno in questi ultimi giorni.

Sembrerebbe però che, questa ipotetica nuova disposizione, non sia sufficiente per assecondare i desideri di tutti, non basterà quindi allentare le misure igienico sanitarie per il contenimento del virus, sarà necessaria anche l’abolizione dello storico “grembiule”.

Pare infatti che nelle ultime settimane sia nata una fervente critica da parte di numerose mamme nei confronti di questa nuova proposta, chiedendosi effettivamente se coprire naso e bocca sia meno importante che nascondere l’abbigliamento dei loro figli.

Ci sono svariate opinioni a riguardo, c’è chi dice che il grembiule, così come la mascherina, sia un accessorio -se così vogliamo chiamarlo- scomodo e privo di utilità. C’è invece chi afferma che esso sia un mezzo per contrastare la disparità sociale e, così come la mascherina, di grande utilità per contrastare la trasmissione di batteri da un bambino all’altro.

In realtà, nonostante questo sia di consueto utilizzo nella maggior parte delle scuole pubbliche, la legge Italiana non lo prevede come “obbligatorio”, è poi a discrezione della singola scuola decidere di farlo indossare o meno ai propri alunni.

Una cosa è certa, il grembiule è un simbolo, è una forma di rispetto verso coloro che non hanno le mie stesse possibilità, indossarlo significa sottostare a delle regole.

La domanda quindi sorge spontanea, che insegnamento vogliamo dare ai nostri figli se noi, in primis, non riusciamo a rispettare dei principi base di convivenza?

di Francesca Pandolfi

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Le grandi aziende lasciano la Russia, una nuova era di autarchia?

Articolo successivo

Calcio: Argentina, Romero “Gara con Italia ci dirà a che punto siamo”

0  0,00