/

Si conclude la XXVII edizione del Salone Internazionale del Restauro a Ferrara Fiere

3 minuti di lettura

Si apre oggi 10 giugno 2022 la terza e ultima giornata del Salone Internazionale del Restauro a Ferrara Fiere, la prima e più importante manifestazione nel panorama fieristico internazionale dedicata all’Economia, Conservazione, Tecnologie e Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali.

Il Salone anche per il 2022 rappresenta un importante momento di dialogo e confronto, e offre a tutti coloro che a vario titolo partecipano la possibilità di incontrare e avviare dialoghi e collaborazioni con una vasta platea di interlocutori, tra istituzioni, aziende prestigiose, professionisti, esperti.

La fiera conferma un grande successo di pubblico e interesse dagli addetti ai lavori: tanti i convegni e i workshop che hanno registrato il sold-out come quelli organizzati dal Ministero della Cultura e dalla Regione Emilia-Romagna dedicati alla ricostruzione post-sisma e quelli di INAIL dedicati alla sicurezza sul lavoro. Tra novità del comparto e grandi restauri gli oltre 100 espositori della fiera hanno portato al Salone del Restauro il loro know-how, presentando progetti ed esperienze innovative. Tra questi Formedil – Ente per la formazione e l’addestramento professionale nell’edilizia ospita la realizzazione di iniziative dimostrative: nello specifico in Fiera, il CEFS di Udine realizza dei murales in pannelli di cartongesso e delle decorazioni di interno, la Scuola Professionale Edile CPT di Firenze delle decorazioni su legno, il CFS di Belluno una centina in legno come base per cupola in laterizio, il Formedil Bari un trullo in scala di circa un metro e settanta di altezza che sarà donato Ferrara Fiere a fine manifestazione; il trullo andrà ad abbellire l’area espositiva esterna dello stesso spazio fieristico.

Ad arricchire di novità anche questa ultima giornata, il programma proporrà numerosi convegni, mostre, tavoli tematici, workshop ed eventi b2b.

I CONVEGNI

Tra i focus approfonditi nell’ultima giornata di convegni: le tecnologie per il rilievo del patrimonio culturale, le sfide del PNRR per le prossime generazioni, gli interventi di restauro dei beni culturali colpiti dal sisma.

Tra i convegni di oggi si segnalano:

  • Ore 10:00-14:00 – Sala Regione Emilia-Romagna

Patrimonio culturale per le prossime generazioni: la sfida del PNRR. I valori dei paesaggi culturali e l’identità dei luoghi negli investimenti della Misura Cultura e Turismo” a cura della Regione Emilia-Romagna.

 

  • Ore 10:10-10:30 – Sala del Ministero della Cultura “A”

Interventi e azioni per il restauro dei beni culturali colpiti dal sisma e per la protezione di eventi calamitosi” a cura del Segretariato regionale del MIC per la Calabria.

 

  • Ore 10:30-11:30 – Sala del Ministero della Cultura “A”

Conservare le rocce incise in un contesto di biodiversità: il caso del Parco Nazionale delle incisioni rupestri (Capo di Ponte)” a cura della Direzione regionale Musei Lombardia in collaborazione con il Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi – Università di Torino

 

  • Ore 10:30-13:00 – Sala Oceania

Le tecnologie per il rilievo del patrimonio culturale. Confronto tra ricerca e impresa su innovazione, progetto, gestione e protocolli” a cura di CNS ICOMOS CIPA HD e Clust_ER Build edilizia e costruzioni.

Il convegno approfondirà le tecnologie laser per il rilievo dei beni culturali e i protocolli per il rilievo 3D.

  • Ore 12:15-13:10 – Sala Ministero della Cultura “B”

Restaurare la memoria della Nazione” a cura dell’Archivio Centrale dello Stato.

  • Ore 12:30-13:30 – – Sala Ministero della Cultura “A”

Preservare il patrimonio, i restauri della SSABAP” a cura della Soprintendenza Speciale Archeologia, belle arti e paesaggio di Roma.

Durante il convegno saranno presentati alcuni restauri realizzati dalla SSABAP a Roma: Museo Ninfeo, un progetto di archeologia pubblica e partecipata; Acquedotto Claudio, la grande ingegneria idraulica; Palazzo Mattei di Giove; Area archeologica di Gabi. Arx.

GLI ESPOSITORI

Oltre 100 sono i prestigiosi espositori presenti al Salone del Restauro 2022 tra realtà istituzionali e aziende leader a livello nazionale ed internazionale provenienti da diversi settori.

Confermata anche per il 2022 la prestigiosa presenza del MIC – Ministero della Cultura che porta al suo stand l’esperienza e le novità di Direzioni, Istituti, Musei, Parchi e Segretariati Regionali, oltre che un ricco programma di workshop e convegni.

Tra le istituzioni presenti: la Regione Emilia-Romagna, INAIL – Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, il Comune di Ferrara, Camera di Commercio di Ferrara, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, il Segretariato Regionale MIC della Calabria, il Museo della Zecca di Roma, GBC – Green Building Council Italia e ENEA.

Espositori ma anche sponsor dell’evento, sono: Agosti Nobilium Thermapanelazienda specializzata nella realizzazione di pannelli isolanti naturali traspiranti ed incombustibili, ed Enel X la società del Gruppo Enel e fornitore di prodotti e servizi innovativi al servizio della trasformazione energetica.

LE MOSTRE

Ad arricchire la proposta espositiva ci saranno due mostre allestite negli spazi di Ferrara Fiere durante le tre giornate del Salone Internazionale del Restauro:

 

  • L’esperienza del CNVVF a supporto della tutela dei beni culturali e dell’ambiente: in esposizione le immagini di alcuni interventi realizzati dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco in occasione dell’emergenza sisma in Emilia-Romagna, finalizzati a mettere in salvo o preservare edifici e beni storico-artistici. In mostra anche casi di buone pratiche di collaborazione con altri Enti e Istituzioni, per il ripristino della fruizione delle opere. Mostra realizzata in collaborazione con il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Ferrara.

 

  • Selezione fotografica di alcuni degli interventi di restauro a cura di Progetto Arte Poli: il progetto è uno studio ispirato alle botteghe rinascimentali, dove ancora oggi come in passato, diverse tecniche convivono e si intrecciano per la creazione di opere uniche. Lo studio crea una serie di opere d’arte come vetrate artistiche, arte del mosaico, affreschi, sculture e restauri in ferro battuto. Ogni opera d’arte è il risultato di un abile maestro artigiano, artista, designer o tecnico.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Salario minimo, Orlando “Intervento va fatto il prima possibile”

Articolo successivo

Marco Lucchesi porta in scena IL MATRIARCATO con i ragazzi del progetto di formazione del Teatro di Roma

0  0,00