Suzuki Jimny Pro T2, tra off-road e una nuova dimensione sportiva

1 minuto di lettura

TORINO (ITALPRESS) – Suzuki partecipa al MIMO allestendo una pedana in Piazza del Duomo, luogo simbolo di Milano, dove esporrà un Jimny Pro, il modello più iconico della sua gamma. L'esemplare che il pubblico potrà ammirare sarà in configurazione da rally T2, allestito per le gare del Campionato Italiano Cross Country Rally e guidato dall'esperto pilota Lorenzo Codecà, vincitore in passato di 10 Titoli assoluti nel Campionato Italiano con la Grand Vitara 3600. Suzuki presenta una vettura dallo stile unico e inconfondibile, che da una parte incarna la sua ultra cinquantennale tradizione fuoristradistica e dall'altra la reinterpreta in chiave agonistica. Jimny Pro in configurazione rally T2 è molto più di una semplice auto sviluppata per i gentleman driver desiderosi di cimentarsi nelle competizioni del Campionato Italiano Cross Country Rally. È un mezzo che incarna la passione di Suzuki per lo sport, partendo da una base ideale per la vita attiva all'aria aperta e per coltivare ogni genere di hobby outdoor che, con le sue caratteristiche uniche, non ha eguali nel panorama automobilistico mondiale. Nel progettarlo, Suzuki ha compiuto un atto di amore verso sé stessa, dando continuità a una stirpe di mezzi inarrestabili, pensati per i professionisti e capaci di diventare anche un fenomeno di costume. Con una lunghezza di soli 3.645 mm, Jimny Pro è un autentico fuoristrada ultra compatto, capace di prestazioni incredibili lontano dall'asfalto eppure sempre comodo e pratico nell'uso quotidiano. Sotto la carrozzeria nasconde un robusto telaio a traliccio e sospensioni ad assale rigido, che incassano bene i colpi e assicurano un'elevata escursione alle ruote. È inoltre dotato della sofisticata trazione integrale 4WD AllGrip Pro, che consente di inserire in modo rapido le quattro ruote motrici e all'occorrenza anche le marce ridotte. L'equipaggiamento si completa con il sistema elettronico LSD, che migliora la motricità frenando automaticamente le ruote che slittano e permette di superare ogni ostacolo, per arrivare in posti inaccessibili a qualsiasi altra auto. Grazie a una base tecnica tanto raffinata, la variante da rally T2 riesce a dimostrarsi competitiva e affidabile anche nelle gare più impegnative, pur senza grandi modifiche rispetto al mezzo di serie. Gli interventi riguardano più che altro l'adozione di molle e ammortizzatori specifici, con l'aggiunta di leggeri rinforzi in corrispondenza degli attacchi delle sospensioni. La trasmissione è invece standard, così come il motore 1.5 da 103 CV, che prende l'aria per l'alimentazione da uno scenografico snorkel. Per scaricare meglio a terra la coppia sono poi stati scelti pneumatici tassellati, montati su cerchi con ET specifico che aumentano un po' la larghezza delle carreggiate. foto: ufficio stampa Suzuki Italia (ITALPRESS). tvi/com 14-Giu-22 16:17

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Udinese. Marino rinnova, responsabile area tecnica fino al 2023

Articolo successivo

Calciomercato: Napoli. Osimhen “Il mio futuro? Tutto può succedere”

0  0,00