/

Il conformista di Bertolucci inaugura “Il Cinema Ritrovato” a Bologna

1 minuto di lettura

Sarà Stefania Sandrelli a inaugurare oggi, sabato 25 giugno alle ore 21:45 in Piazza Maggiore a Bologna la 36ª edizione del festival Il Cinema Ritrovato

“Strategia del ragno e Il conformista hanno in comune il tema del tradimento, la presenza del passato che ritorna e il peso della figura paterna, con la differenza che nel Conformista il figlio, Trintignant, tradisce il professor Quadri (la figura paterna), mentre in Strategia del ragno è Athos padre ad avere tradito. In ogni caso si tratta di due parricidi che suppongono un passato e una memoria. Nel Conformista la memoria è quella del cinema francese e americano degli anni Trenta mentre Strategia del ragno si nutre di ricordi di infanzia reali.

Ho girato Il conformista lasciando aperta la possibilità di raccontarlo cronologicamente, come nel romanzo di Moravia. Fin dall’inizio delle riprese ero affascinato però dalla possibilità di usare il viaggio in automobile come il ‘presente’ del film, il contenitore della storia. Insomma, il protagonista viaggia anche nella memoria. Per questo avevo girato molto materiale sul viaggio di Trintignant. Con un grande montatore come Kim Arcalli, accade di poter vedere, poco a poco, la struttura del film che si materializza. La struttura di un film è solo annunciata dalla sceneggiatura e comincia a esistere e a manifestarsi durante le riprese, ma è durante il montaggio che prende definitivamente corpo”.

Bernardo Bertolucci in Enzo Ungari, Scene madri di Bernardo Bertolucci, Ubulibri, Milano 1982 

 

IL CONFORMISTA

(Italia-Francia- Germania Ovest/1970) di Bernardo Bertolucci (114’)

Restaurato in 4K da Cineteca di Bologna

in collaborazione con Minerva Pictures

e con RaroVideo Channel

sotto l’egida della Fondazione Bernardo Bertolucci

presso il laboratorio L’Immagine Ritrovata, a partire dal negativo camera originale.

Con il contributo del Ministero della Cultura

e il sostegno di “A Season of Classic Films”,

iniziativa promossa da ACE – Association des Cinémathèques Européennes

all’interno del programma Creative MEDIA della Commissione Europea

 

Soggetto: dal romanzo omonimo (1951) di Alberto Moravia

Sceneggiatura: Bernardo Bertolucci

Fotografia: Vittorio Storaro

Montaggio: Franco Arcalli

Scenografie: Ferdinando Scarfiotti

Musiche: Georges Delerue

Interpreti: Jean-Louis Trintignant (Marcello Clerici), Stefania Sandrelli (Giulia), Dominique Sanda (Anna Quadri), Gastone Moschin (Manganiello), Pierre Clémenti (Lino Seminara), Enzo Tarascio (professor Quadri), José Quaglio (Italo Montanari), Milly (madre di Marcello), Yvonne Sanson (madre di Giulia), Giuseppe Addobbati (padre di Marcello)

Produzione: Maurizio Lodi-Fè per Mars/Marianne/Maran

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Quadarella di bronzo negli 800 sl ai Mondiali di nuoto

Articolo successivo

Ucraina, Zelensky “Percorso verso Ue come scalare l’Everest”

0  0,00