/

“Bambini all’inferno. Storie divine dell’altro mondo” al Teatro Torlonia

1 minuto di lettura

Continuano gli appuntamenti nel verde di Villa Torlonia per le nuove generazioni, a cura di Fabrizio Pallara, per tornare a emozionare tutte e tutti con la magia dell’arte della scena tra burattini, trampolieri, novellatori ed esploratori in bici, e per costruire traiettorie condivise sulla realtà assieme agli spettatori più giovani.

Il Teatro Torlonia diventa così, per il mese di luglio, scenario fantastico all’insegna del divertimento con spettacoli all’aperto che accompagneranno l’estate di piccoli e giovani spettatori (dai 3 anni) con le loro famiglie.

Sabato 16 e domenica 17 luglio (ore 18) appuntamento speciale con un omaggio alla figura di Dante e alla sua opera attraverso un viaggio scenico all’Inferno della Divina Commedia, BAMBINI ALL’INFERNO. Storie divine dell’altro mondo di Renzo Boldrini.

Una creazione che indaga come rivolgersi alla platea di ragazzi offrendo loro un viaggio scenico all’Inferno dell’opera dantesca rispettando il suo plot narrativo e scarnificando, semplificando l’intreccio, inventando una lingua sostenibile e accessibile per dei giovanissimi contemporanei senza tradire il cuore simbolico della narrazione del sonno poeta.

Partendo proprio da quest’ultimo obiettivo, Boldrini ha mantenuto come asse portante del ritmo narrativo il gioco di rima e la tradizione dei novellatori toscani che, fino alla metà del secolo scorso nelle campagne di questa regione, “traducevano” a un pubblico popolare ed eterogeneo le terzine dantesche. Sempre prestati dalla tradizione dei novellatori e dei cantastorie, l’attore, per illustrare la discesa all’Inferno di Dante e Virgilio, si avvarrà di un libro-teatro dal quale emergeranno personaggi, piccole scenografie e suoni. Così l’interprete Tommaso Taddei si trasformerà in una sorta di Virgilio per gli spettatori, come Dante, accompagnati a incontrare Paolo e Francesca, Ulisse, diavoli di ogni risma e creature fantastiche e mitologiche di ogni genere.

La rassegna di spettacoli si conclude sabato 23 e domenica 24 luglio con una vera e propria apparizione magica che mette in moto l’immaginario dei bambini, UN CUORE A PEDALI, liberamente ispirato al libro Appunti di Geofantastica di Gianluca Caporaso e Sergio Olivotti. Lo spettacolo di e con Ippolito Chiarello, per la regia di Michelangelo Campanale, porta sulla scena un eccentrico esploratore, un viaggiatore straordinario capace di ricostruire le storie più segrete e fantastiche delle città, arrivando in bici per raccontare i suoi viaggi e raccogliere informazioni sulla città. Un allenamento al viaggio e alla fantasia guidati da Mister Nasca, scrutatore ed esploratore di strade che, in ogni sua tappa, con valutazioni fantastiche e guardando negli occhi il pubblico, afferma di scegliere la città più adatta da raccontare. Ma in verità racconta sempre la stessa: la città dei sogni, perché è la storia di un gruppo di bambini, esploratori come lui, che viaggiano perché una città vorrebbero fondarla. Dopo aver fatto la sua sosta-racconto ed essersi assicurato di aver istruito le persone al viaggio, ricompone tutte le sue mercanzie e riparte in bici, ritornando sulla strada.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Governo, Salvini “Per risolvere problemi ci siamo, altrimenti voto”

Articolo successivo

Zoomarine. Per festeggiare la nascita di due tartarughe marine arriva l’iniziativa musicale e solidale “Aggiungi una ciotola a tavola”

0  0,00