/

Governare l’incertezza: dibattito al Centro studi americani sulle sfide dell’innovazione sociale per uscire dalla crisi

1 minuto di lettura

Presentazione del volume di Marco De Giorgi e Aurelio Lupo (Franco Angeli)

Un dibattito sulla social innovation quello organizzato lunedì 18 luglio dall’Associazione Concreta-Mente e dal Centro Studi Americani, nella splendida sede di via Caetani a Roma, per la presentazione del volume di Marco De Giorgi e Aurelio Lupo (Franco Angeli) da poche settimane disponibile in tutte le librerie. 

La presentazione del nuovo libro ‘’Governare l’incertezza: Percorsi di innovazione sociale per nuovi partenariati pubblico privato’ è l’occasione per un ampio dibattito, partecipato da studiosi ed esperti, sulle possibili vie di uscita dalla crisi attingendo ai temi emergenti dell’innovazione sociale e ai nuovi modelli di sviluppo sostenibile.

Al dibattito, moderato dal giornalista Giampiero Marrazzo, hanno partecipato Giovanni Lo Storto, Direttore generale della Università Luiss Guido Carli, Raffaela Milano, Direttrice dei programmi Italia- Europa di Save the Children e Mauro Minenna, Capo del Dipartimento per l’innovazione tecnologica della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Presente anche uno dei due autori, Marco De Giorgi.

Lo studio appena pubblicato ha il merito non solo di trattare un tema ancora d’avanguardia sullo scenario italiano, ma soprattutto di proporre in modo strutturato un metodo, un approccio e dei casi d’uso per fare innovazione sociale. 

Per Marco De Giorgi, Capo Dipartimento della Presidenza del Consiglio dei Ministri, “l’importanza dell’innovazione sociale come nuovo paradigma internazionale nella creazione di valore pubblico può migliorare la risposta ai bisogni sociali emergenti e guidare nuovi percorsi di crescita economica, modelli di business basati su partnership pubblico-privato, suggerendo vie di uscita a crisi che saranno sempre più ricorrenti”.

Per il Direttore Generale della Luiss Giovanni Lo Storto: “Questo libro fa propri i principi della ‘Jugaad innovation’, quella capacità individuale e collettiva di trovare soluzioni nuove e risolvere problemi, coniugando innovazione ed opportunità laddove ci sono condizioni di incertezza e scarsità di risorse. Oggi questo approccio è una delle competenze più richieste ai nuovi leader che contribuiranno allo sviluppo economico e sociale del Paese”.

Oltre alla funzione fondamentale della pubblica amministrazione come driver dei processi di innovazione sociale, ben sottolineata nel nuovo libro, un ruolo fondamentale spetta al Terzo settore che ha fatto un grande salto di maturità organizzativa, provando a unire i temi della sostenibilità sociale con quelli della sostenibilità economica” afferma Raffaella Milano.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Letta “Se domani cade Governo applauso da Putin”

Articolo successivo

Michelangelo Frammartino ospite d’onore del Film Festival della Lessinia

0  0,00