/

Una fuga Senza età: sono iniziate le riprese del nuovo film di Stefano Usardi

2 minuti di lettura

Sono partite le riprese di Senza età di Stefano Usardi: un film tutto on the road che parla di fuga e di amicizia, strizzando l’occhio, senza abbracciarne volutamente lo stile grotesque, al più classico Harold e Maude. Protagonisti sono Patrizia La Fonte nei panni di Anna e il giovane e promettente Jacopo Garfagnoli in quelli di PietroLe riprese e la vicenda partono da Padova per attraversare tutto il nord Italia e approdare prima ad Imperia poi, via via lungo la Costa Azzurra e di lì diritti ad Almeria in Spagna. Il resto del cast è costituito da Giovanni Visentin (Luca), Bob Messini (Marco), Eleonora Panizzi (Fiorella), Francesca Sartore (Fiorella), Matilde Vigna (Romina), Raffaella Paleari (Dominique).

Una particolarità, buona parte del cast e della troupe è composta di donne: “Non è per nulla un forzato omaggio alle quote rosa, semplicemente, contro l’andamento comune, abbiamo trovato molte validissime professioniste donne. E se questo nel cast non è un’anomalia, ci hanno fatto notare che nella troupe è meno comune. Felici della nostra scelta”, ha spiegato il regista Usardi. Il film e il suo viaggio saranno raccontati anche in un fitto backstage

Anna, ospite di una casa di cura a Padova, viene travolta dall’arrivo di Pietro che, in fuga da degli strani individui, simula con lei una familiarità per crearsi un alibi e fuggire. Con la promessa di vedere il mare di Almeria e la sua Vergine del Mare raffigurata in un quadretto che tiene tra le mani, confusa, Anna segue Pietro e si lascia accompagnare fuori dove, scampato il pericolo, l’instabile protagonista, vorrebbe sbarazzarsi di lei.

In un momento di compassione e indecisione, Pietro decide tuttavia di accompagnarla al mare che con tanta insistenza l’anziana chiede di vedere. Con una macchina rubata raggiungono la costa d’Imperia, ma Anna, con la convinzione di arrivare in Spagna per vedere la Vergine del Mare, implora Pietro di non lasciarla sola e di esaudire il suo desiderio.

Nel frattempo, i figli di Anna, allarmati, cominciano una ricerca affannosa che coinvolge l’intera famiglia per rintracciare i movimenti dell’anziana madre. Pietro, che continua a sentirsi braccato e non ha nulla da perdere, decide quindi di accontentare Anna.

I due fuggitivi, sempre più complici, in una tratta di treno conoscono Dominique, una ricercatrice francese con cui condividono tratti del favoloso viaggio. Iniziano le difficoltà economiche e l’avventura per i due viandanti diventa sempre più complicata: morti “apparenti”, matrimoni, fughe in macchina, ambulanze, rapine, e feste sfrenate. Tutto sembra risolversi con l’arrivo ad Almeria dove partecipano finalmente alla processione della Vergine, ma l’arrivo dei familiari di Anna sconvolgerà ogni tipo di pianificazione e la festa non avrà il finale aspettato…

Stefano Usardi

Nato a Basilea è da sempre appassionato di cinema e un grande creativo. La prima laurea la ottiene a Bologna in “Discipline del Cinema” e subito dopo, si trasferisce a Roma dove frequenta il “NUCT – Nuova Università di Cinema e Televisione” di Cinecittà e si laurea in “Storia dell’arte” presso la Sapienza.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Street art in Italia. Viaggio fra luoghi e persone

Articolo successivo

Sinner fuori agli ottavi nel Masters 1000 di Montreal

0  0,00