La Banca Centrale Europea alza i tassi d’interesse di 75 punti base

1 minuto di lettura

FRANCOFORTE (GERMANIA) (ITALPRESS) – Il Consiglio direttivo della Banca Centrale Europea ha deciso di innalzare di 75 punti base i tre tassi di interesse di riferimento. "Questa importante misura anticipa la transizione dal livello attualmente molto accomodante dei tassi di interesse di riferimento a livelli che assicureranno un ritorno tempestivo dell'inflazione al nostro obiettivo del 2% – si legge in una nota -. In base alla sua attuale valutazione, il Consiglio direttivo si attende di aumentare ulteriormente i tassi di interesse nelle prossime riunioni per frenare la domanda e mettere al riparo dal rischio di un persistente incremento dell'inflazione attesa. Il Consiglio direttivo riesaminerà regolarmente la traiettoria della politica monetaria alla luce delle informazioni più recenti e dell'evolvere delle prospettive di inflazione. Anche in futuro le decisioni sui tassi di riferimento saranno guidate dai dati e rifletteranno un approccio in base al quale vengono definite di volta in volta a ogni riunione". "Il Consiglio direttivo ha assunto oggi questa decisione e si attende di aumentare ulteriormente i tassi di interesse perché l'inflazione seguita a essere di gran lunga troppo elevata ed è probabile che si mantenga su un livello superiore all'obiettivo per un prolungato periodo di tempo. Secondo la stima rapida dell'Eurostat l'inflazione ha raggiunto il 9,1% ad agosto – prosegue la nota della Bce -. I rincari dei beni energetici e alimentari, le pressioni della domanda in alcuni settori dovute alla riapertura delle attività economiche e le strozzature dell'offerta costituiscono ancora i fattori responsabili dell'incremento dell'inflazione. Le spinte sui prezzi hanno continuato a rafforzarsi e diffondersi in tutta l'economia e l'inflazione potrebbe aumentare ulteriormente nel breve periodo. Con il graduale venir meno delle attuali determinanti dell'inflazione e con il trasmettersi della normalizzazione della politica monetaria all'economia e al processo di formazione dei prezzi, l'inflazione si ridurrà". In prospettiva, gli esperti della BCE hanno rivisto significativamente al rialzo le proiezioni sull'inflazione, che quindi si porterebbe in media all'8,1% nel 2022, al 5,5% nel 2023 e al 2,3% nel 2024. – foto Agenziafotogramma.it – (ITALPRESS). sat/com 08-Set-22 15:16

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Primo Piano – Verso il voto / Gelmini “Paese non si salva con i bonus”

Articolo successivo

Violenza di genere: il Tour della Valigia di Salvataggio “per non tornare indietro” dell’Associazione Salvamamme e Autostrade per L’Italia approda in Puglia

0  0,00