/

Minaccia missilistica ipersonica dal Circolo Polare Artico

1 minuto di lettura

Negli anni ’70, ma soprattutto negli anni ’80 l’Europa ha assistito all’escalation missilistica tra i due blocchi contrapposti, Unione Sovietica da una parte, Usa-Nato dall’altra. Ovviamente i missili potevano essere armati con testate nucleari. L’Urss schierava i propri missili Icbm nell’Europa orientale e la Nato nell’Europa occidentale.

Finalmente nel 1991 è stato siglato tra Usa e Urss il primo trattato Start, acronimo che sta per Strategic Arms Reduction Treaty, che ha messo la parola fine all’escalation, con una limitazione nel numero dei missili e delle testate nucleari, che ciascuno dei due blocchi poteva schierare in Europa. In quegli anni ci si domandava “perché Usa e Urss non schierano i propri missili nucleari nelle regioni del Circolo Polare Artico?”. Evidentemente le due superpotenze non cercavano un confronto militare tra di esse, ma volevano assicurarsi il predominio sulla fetta di Europa, che ricadeva nella propria sfera di influenza, rispettivamente paesi del Patto di Varsavia nella sfera di influenza Urss, paesi della Comunità Europea in quella degli Usa.

La domanda che ci si poneva negli anni ’70 e ’80 si è materializzata oggi. Con vero e autentico terrore, la Nato ha constatato la comparsa di “missili misteriosi” in grado di raggiungere gli Usa e la Gran Bretagna nel sito di test russo. Come riporta il sito russo Avia.pro, particolare attenzione è stata attirata sul dispiegamento di missili russi in uno dei poligoni dell’Artico, dopo il grave aumento delle tensioni tra Washington, Londra e Mosca.

Degno di nota il fatto che, sebbene il missile non possa essere identificato in modo affidabile nemmeno dalle immagini satellitari, uno dei missili da crociera a più lungo raggio al mondo, il 9M730 Burevestnik, dovrebbe essere testato in questo sito. Nelle immagini satellitari dell’arcipelago di Novaya Zemlya si nota un’attività frenetica e, secondo gli esperti occidentali, almeno uno dei missili è già sulla rampa di lancio e si stanno preparando i test più importanti.

Il raggio di volo di questo missile è illimitato e la carica che può trasportare ha una potenza molto elevata. Fonti Nato hanno riferito che un esperto ha scoperto immagini che mostrano missili spaventosi. Putin si sta affrettando a testare i suoi micidiali e misteriosi missili nucleari, che hanno una portata illimitata secondo nuove agghiaccianti immagini satellitari. Secondo quanto precisato, il missile da crociera Burevestnik, che gli esperti hanno chiamato la “Chernobyl volante” è stato avvistato in un sito di test in una remota area della Russia settentrionale.
Ora che i russi stanno indirizzando i loro missili Icbm verso la rotta artica, che è la via più breve per raggiungere Usa e Gran Bretagna, si preannuncia guerra vera.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

BELLE & SEBASTIEN Next Generation dal 17 novembre al cinema

Articolo successivo

Malta, il ct Mangia si difende “Notizie infondate e false”

0  0,00