/

Da Paul Klee a Damien Hirst, il Novecento (privato) in mostra a Firenze

1 minuto di lettura

Passione Novecento, da Paul Klee a Damien Hirst. Opere da collezioni private” propone una selezione di opere di maestri del Ventesimo secolo provenienti da collezioni private fiorentine e toscane visibile fino all’8 gennaio a Palazzo Medici Riccardi a Firenze.

Al numero 3 dell’antica Via Larga, a Palazzo Medici Riccardi, antico baluardo dei Medici, tra le cui camere e gli studioli ha avuto origine il collezionismo moderno, Cosimo il Vecchio e Lorenzo Il Magnifico sarebbero ben lieti di vedere sfilare buona parte del Novecento attraverso una ricca selezione di maestri, da Paul Klee a Damien Hirst, in prestito dagli amanti dell’arte del nostro tempo.

La mostra, è un progetto del museo Novecento e punta a collegare la grande tradizione rinascimentale del collezionismo e mecenatismo alla passione per l’arte contemporanea. Tra le opere esposte ci sono capolavori di Paul Klee e de Chirico, di Morandi e di Savinio, accanto a quelli di Martini e Melotti, Fontana e Burri. Ma anche nomi più celebri del contemporaneo come quelli di Warhol e Lichtenstein, di Alighiero Boetti e Daniel Buren, fino a Damien Hirst e Cecily Brown, Ai Weiwei e Tracey Emin.

Il susseguirsi di capolavori vedrà avvicendarsi anche storie di grandi appassionati d’arte che consentiranno al pubblico moderno di saperne di più sulla vita del collezionista, sul gusto e gli ideali in un gioco di suggestioni e di significati. Dalle raccolte private, dagli studioli e dai salotti dei gran signori hanno avuto origine i primi musei moderni.

Sviluppatosi durante l’epoca rinascimentale con la famiglia dei Medici, centrale per la promozione culturale italiana, il mecenatismo si è consacrato poi nei secoli a venire con la presenza di figure del calibro di Stefano Bardini, antiquario e mercante tra i più eclettici e raffinati del suo tempo, e dell’eclettico Frederick Stibbert. E proprio grazie al collezionismo ora è possibile ammirare questi capolavori, in uno straordinario percorso di riscoperta e approfondimento dell’arte del Novecento.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Pd, Provenzano “Ora basta governismo, costruiamo l’alternativa”

Articolo successivo

Grillo. Dietro le Brigate del Reddito l’ombra di una strategia finto-populista che viene da lontano

0  0,00