/

Guerra Russia-Ucraina: escalation o descalation?

1 minuto di lettura

«Ripetiamo soprattutto per la parte americana: gli obiettivi che abbiamo fissato in Ucraina saranno raggiunti. Più Washington continuerà a incoraggiare l’atteggiamento bellicoso di Kiev, più la pace si allontana». Questo ha dichiarato il portavoce del ministero degli esteri russo Maria Zakharova, a seguito delle parole di Biden, che ha espresso la sua volontà nel voler continuare a fornire all’Ucraina il supporto necessario per difendersi, con l’apporto di sistemi avanzati di difesa aerea. Il conflitto armato tra Russia e Ucraina ha ormai superato i 200 giorni, ciò nonostante ,la linea comunicativa che intercorre tra i due paesi protagonisti sembra essere sempre più ostile e poco concorde a risoluzioni pacifiche. Difatti, a preoccupare i vari governi nazionali e gli apparati internazionali non sono solamente le dinamiche militari e strategiche, ma anche quelle diplomatiche, che sembrano avviarsi verso una vera e propria escalation. Difatti Zelensky, conscio del supporto costante degli Usa ha affermato: «L’Ucraina non può essere intimidita. I terroristi devono essere neutralizzati.lo scontro sarà ancora più duro». A seguito del botta e risposta tra i due comandanti in capo,  la comunità internazionale ha espresso la sua profonda preoccupazione per l’evoluzione della guerra ed, ha invitato le parti interessate a risolvere in maniera consona le divergenze esistenti con il dialogo e le consultazioni. In particolare modo, il ministero degli esteri cinese si è mostrato disposto a collaborare con la comunità internazionale per continuare a svolgere un ruolo costruttivo nell’allentamento delle tensioni. A sorprendere tutti però, è stata la seconda contro-risposta  di Mosca , che si è dichiarata pronta a prendere in considerazione una proposta di incontro tra Putin e Biden al G20 di metà Novembre in Indonesia, se questa venisse inoltrata. Il comandante in capo americano non ha tardato a rispondere dicendo «Non ho intenzione di negoziare e, nessuno è pronto a farlo con la Russia sull’Ucraina”. Di fronte alla via della descalation, sembrerebbe che gli USA abbiano scelto la via contraria così come l’Ucraina, in quanto a detta di Zelensky “non può esserci dialogo con questo leader della Russia, che non ha futuro».

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Madre Terra – Una campagna contro l’agropirateria

Articolo successivo

QuiEuropa Magazine – 15/10/2022

0  0,00