Ford, la sfida di essere “Game changer” nella transizione all’elettrico

1 minuto di lettura

TORINO (ITALPRESS) – La sfida dell'elettrificazione dell'automotive è uno dei passi che rivoluzionerà il mondo. Un cambiamento dovuto anche all'esigenza di salvaguardare l'ambiente. Quindi è fondamentale giocare un ruolo da protagonisti portando innovazione e know-how. È questa la filosofia che c'è dietro alla campagna "Be a game changer" di Ford di cui si è discusso allo spazio Ford al Pala Alpitour di Torino in occasione delle Atp Finals di tennis di cui la casa automobilistica è sponsor. "Be a game changer – ha detto l'Amministratore Delegato di Ford Italia, Fabrizio Faltoni – è un modo per far capire quanto è importante per un'azienda che ha oltre cento anni di storia nell'automotive fare investimenti e avere la determinazione nel giocare su uno schema completamente diverso rispetto al passato. È una sfida importantissima che ha richiesto investimenti per 10 miliardi di dollari negli Stati Uniti e 6 miliardi di dollari in Europa". Un percorso che avrà un'importante accelerazione alla metà del prossimo anno per Ford soprattutto nei 4 principali stabilimenti europei in Germania, Romania, Spagna e Turchia. La transizione all'elettrico della casa dell'ovale blu coinvolge alcuni dei modelli iconici di Ford come il pick-up F-150 e soprattutto la Mustang Mach-E Gt. In questi modelli si ritrova lo spirito di innovazione e cambiamento che Ford mette in campo verso la transizione all'elettrico. "La Mustang – ha continuato Faltoni – è stata un game changer fin dagli anni '60. È la macchina sportiva più venduta al mondo con il suo iconico motore a 8 cilindri. E anche oggi con tanta determinazione stiamo provando a realizzare lo stesso cambiamento con la Mustang elettrica". foto: ufficio stampa Ford Italia (ITALPRESS). xb4/tvi/red 14-Nov-22 16:13

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Lucca, per appalti rifiuti pilotati 19 le persone indagate

Articolo successivo

Migranti, è guerra dei nervi. E interviene Mattarella

0  0,00