Cittadini (Aiop) “Ssn pilastro fondamentale, Governo lo tuteli”

1 minuto di lettura

ROMA (ITALPRESS) – "La sanità rappresenta un pilastro fondamentale del nostro welfare, da custodire e garantire per i prossimi decenni, con risorse economiche adeguate ad assicurare una maggiore e diversificata offerta coerente alla domanda di salute della popolazione, investimenti, progettualità, formazione professionale, sviluppo digitale, territorialità dei servizi. In questa prospettiva, dal Governo arrivano segnali importanti". Lo afferma Barbara Cittadini, presidente nazionale di Aiop, l'Associazione italiana ospedalità privata, commentando le parole del ministro della Salute, Orazio Schillaci, intervenuto nel corso della cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico 2022/2023 dell'Università degli studi del Molise. Schillaci ha sottolineato tra le altre cose che "il governo ha assicurato alla sanità 2,2 miliardi in più nel 2023 ai quali si aggiungeranno altri 2,4 miliardi nel 2024. E questo credo rappresenti un primo segnale di inversione di tendenza che sono certo si consoliderà con il bilancio dei prossimi anni". "Lo stanziamento di 2,2 miliardi di euro nel 2023 e altri 2,4 miliardi nel 2024 – prosegue Cittadini – è un impegno concreto che apprezziamo e che segna un'inversione di tendenza rispetto a un passato caratterizzato, soprattutto, da tagli lineari e scelte di programmazione discutibili. Fanno ben sperare le dichiarazioni del ministro della Salute Orazio Schillaci, quando afferma di voler consolidare con i bilanci dei prossimi anni gli interventi a favore della sanità e che le carenze e le difficoltà di oggi sono il risultato di scelte sbagliate del passato. Il Servizio Sanitario Nazionale deve essere sostenuto per evitare il tracollo dell'intero sistema". Secondo la Cittadini "oltre ai problemi strutturali che affliggono il sistema da anni, la pandemia, la guerra russo-ucraina e la crisi energetica stanno mettendo in grande difficoltà il SSN e più volte abbiamo evidenziato il pericolo che si debba ricorrere al blocco delle prestazioni sanitarie a causa del caro bollette e di una crisi che investe a catena l'intero indotto del settore". "Come componente di diritto privato eroghiamo il 28% di tutte le prestazioni e i servizi ospedalieri resi alla popolazione dal SSN, in questa situazione il rischio è di doverli fortemente limitare, se non addirittura interrompere", ha spiegato. "Le criticità sono molte, come la carenza di personale medico e infermieristico, le lunghe liste d'attesa, la scarsa disponibilità di posti letto. Molto importante – precisa la presidente Aiop – è poi la volontà politica di adottare, come affermato dal ministro Schillaci, un metodo di programmazione parametrata sul fabbisogno delle prestazioni a livello regionale. Occorre rivalutare il territorio, garantendo un'assistenza più capillare e diffusa. Una riforma del SSN si rende, a questo punto, inevitabile", conclude. – foto ufficio stampa Ital Communications – (ITALPRESS). fsc/com 29-Nov-22 17:16

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Tredicesime, in arrivo 47 miliardi

Articolo successivo

Ucraina, Mattarella “Serve rinnovato slancio di coesione europea”

0  0,00