/

San Francesco d’Assisi: alla National Gallery di Londra la prima grande mostra nel Regno Unito

1 minuto di lettura

La National Gallery di Londra annuncia per il 2023 la prima grande mostra nel Regno Unito dedicata a San Francesco d’Assisi. Si terrà infatti dal 6 maggio al 30 luglio del prossimo anno nelle sale al piano terra. La rassegna intende presentare la figura del santo e la sua iconografia attraverso opere che vanno dal Duecento a oggi: dalle prime opere medievali, reliquie e manoscritti a film moderni, a un fumetto Marvel.

La mostra intende far comprendere come il santo vicino ai poveri e alla natura sia stato rappresentato nei secoli e come sia stato fonte di ispirazione per tanti artisti, nonché come la sua figura abbia trasceso generazioni, continenti e diverse tradizioni religiose. Pannelli medievali dipinti, reliquie e manoscritti, ma anche film e un fumetto della Marvel comporranno la grande mostra che racconterà la figura di Francesco, i valori di fratellanza e amore che ha predicato e che lo hanno reso uno dei santi più venerati al mondo, documentando anche la sua straordinaria capacità di essere fonte di ispirazione ancora oggi. Presentando l’arte dedicata a San Francesco dal XIII secolo ai nostri tempi ed esaminando come il suo radicalismo spirituale, l’impegno per i poveri, l’amore per Dio e per la natura, così come la sua lotta per la pace tra i nemici e l’apertura al dialogo con altre religioni rendano la sua figura esemplare e di enorme attualità, la mostra – curata dal Direttore della Galleria Nazionale, Gabriele Finaldi, e dal Curatore Associato di ricerca in Arte e Religione di Ahmanson alla Galleria Nazionale, Joost Joustra – mette in luce come San Francesco sia riuscito a catturare l’immaginazione degli artisti e come il suo appello abbia trasceso i tempi, i continenti e le diverse tradizioni religiose.

Nel percorso il visitatore troverà dipinti provenienti da tutta la collezione della Galleria Nazionale – firmati da artisti come Sassetta, Botticelli e Zurbarán – accanto a prestiti internazionali, tra cui San Francesco d’Assisi in estasi di Caravaggio (Wadsworth Atheneum Museum of Art, Hartford, 1595 circa), San Francesco e Santa Chiara che adorano Gesù Bambino in una mangiatoia (Lisbona, Collezione privata, 1647) di Josefa de Óbidos, oltre a opere di Stanley Spencer, Antony Gormley e del maestro dell’Arte Povera Giuseppe Penone. La mostra includerà anche una nuova commissione del contemporaneo Richard Long.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Barbano “Su professionisti dell’antimafia Sciascia aveva visto giusto”

Articolo successivo

Mondiali2022: Messico. Martino”Enorme tristezza,finito mio lavoro da ct”

0  0,00