/

Ucraina, la guerra nucleare è destinata ad accendersi?

1 minuto di lettura

La guerra tra Russia e Ucraina ha portato con sé vari pericoli e minacce, come quella del conflitto nucleare che ad oggi è sempre più accesa.

A far accrescere le preoccupazioni è stato il ministro della Difesa russo, Sergei Shoigu, il quale ha recentemente tenuto un discorso durante una riunione annuale del consiglio del ministero della Difesa, a Mosca, e ha così informato che la Russia continuerà a sviluppare armi nucleari.

Le sue parole sono state: “La Russia continuerà a sviluppare la sua triade nucleare di missili balistici, sottomarini e bombardieri strategici perché tali armi sono la principale garanzia della sua sovranità. Continueremo a sviluppare la triade nucleare e manterremo la sua prontezza al combattimento, poiché lo scudo nucleare è stato e rimane il principale garante della sovranità e dell’integrità territoriale del nostro stato.”

Sulla guerra in Ucraina e sul come fare per evitare gli scenari più terrificanti, ha espresso una netta posizione l’esperto e professore Alessandro Orsini, il quale, durante un’intervista, ha spiegato: “Penso che dobbiamo cambiare completamente strategia, dovremmo aprire un dialogo diplomatico con la Russia e più semplicemente, in maniera più concreta, penso che Giorgia Meloni dovrebbe stabilire contatti diretti con Putin”.

Intanto però le preoccupazioni per il rischio dello scoppio della terza guerra mondiale e/o di una guerra nucleare, sono sempre maggiori e provenienti da ogni parte del Mondo.

In Italia il timore è stato espresso dal capogruppo della Lega, Massimiliano Romeo, durante la discussione al Senato sul decreto, approvato a dicembre dal governo, che ha prorogato fino alla fine dell’anno la possibilità da parte dell’Italia di inviare armi all’Ucraina.

“Rimuoviamo l’idea che la pace possa esserci solo con la sconfitta o, ancor peggio, con l’umiliazione di Mosca” ha spiegato Romeo, che ha sottolineato poi “il presidente Zelensky ha dichiarato che non ci può essere pace senza le terre perdute”.

In sostanza per il capogruppo della Lega, visto che le posizioni di Ucraina e Russia al momento sono molto distanti tra di loro, i rischi di una terza guerra mondiale o di un conflitto nucleare sarebbero invece molto vicini e sempre più concreti.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Incendio sul traghetto Palermo-Napoli, non ancora spento il rogo

Articolo successivo

Incendio sul traghetto Palermo-Napoli, le immagini dei soccorsi

0  0,00