Confagricoltura e Assoverde, 5 tappe chiave per i Parchi della Salute

1 minuto di lettura

ROMA (ITALPRESS) – Aria più pulita e sana nelle città per creare un ambiente più salutare e a misura d'uomo. Sono cinque le tappe chiave emerse oggi alla giornata di studio organizzata da Assoverde e Confagricoltura, in collaborazione con il CREA e l'istituto Superiore di Sanità per presentare il focus del Libro Bianco del Verde dedicato quest'anno a verde urbano e salute. Per Confagricoltura e Assoverde occorre sensibilizzare le amministrazioni comunali per creare i "parchi verdi della salute" in ogni quartiere delle città metropolitane. Serve puntare su più aspetti: la pianificazione integrata per scegliere i siti più adatti ad accoglierli, la progettazione mirata effettuata da gruppi di professionisti, la realizzazione (scelta delle specie, distanza dagli edifici), la cura per garantire una corretta e continua manutenzione delle aree verdi, la fruizione per accrescere la consapevolezza dell'importanza dell'esperienza e della connessione con l'ambiente. Infine, per assolvere adeguatamente alla riduzione di polveri sottili e CO2, rendendo le aree urbane finalmente più salutari e a misura d'uomo, occorre adeguatamente certificare "i parchi della salute". Proprio per questo sono stati organizzati appositi tavoli di lavoro che hanno coinvolto un centinaio tra medici, istituzioni, docenti e studiosi di università ed enti di ricerca, tecnici, esperti, imprenditori e professionisti per porre le basi al coraggioso progetto ideato da Assoverde e Confagricoltura, in collaborazione con il CREA e l'Istituto Superiore di Sanità per rendere finalmente le nostre città più salubri. "Invitiamo a riflettere – ha affermato la presidente di Assoverde, Rosi Sgaravatti – quanto sia necessario investire nel verde. Metà della popolazione mondiale risiede in contesti urbani e tutelare la salute è un diritto di tutti. Oggi le aree verdi urbane sono fondamentali ed ecco come un investimento diventa un risparmio, se ben progettato, curato e certificato. Ci vuole la pianta giusta al posto giusto, non solo messa a dimora, ma anche curata e potata da professionisti". "È diventata evidente – ha messo in evidenza il presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti – la necessità di dare un nuovo volto e una nuova dimensione alle nostre città: quella verde. Si continua a rafforzare il nostro impegno per diffondere la consapevolezza del valore aggiunto che parchi, giardini, aree verdi, pubbliche e private, danno per migliorare le nostre città e il nostro benessere psico-fisico. Il settore del verde in Italia è vitale e strategico e contribuisce a raggiungere gli obiettivi di sostenibilità con vantaggi sulla salute e per una migliore qualità della vita". – foto ufficio stampa Confagricoltura – (ITALPRESS). sat/com 20-Gen-23 14:07

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Baroni “A Verona scontro diretto insidioso,serve Lecce compatto”

Articolo successivo

Calcio: Coppa del Re. Derby Real-Atletico ai quarti di finale

0  0,00