Gas dall’Algeria sì, ma con prudenza

2 minuti di lettura

Le parole più entusiastiche le ha dette il ceo di Eni Claudio Descalzi, impegnato in questi giorni con Giorgia Meloni nella missione nordafricana che dovrebbe renderci indipendenti dal gas russo: «Grazie all’Algeria azzeramento dell’import da Mosca entro il 2024», ha assicurato. Un risultato sufficiente a promuovere il paese a «partner strategico che sta aiutando molto l’Italia».

La premier gli ha fatto subito eco, non risparmiando i toni delle grandi occasioni: «Oggi l’Algeria è il nostro principale fornitore di gas – ha dichiarato. Sono state firmate due intese da Eni e la sua omologa algerina, un’intesa per ridurre le emissioni di gas serra, quindi per uno sviluppo sostenibile». Durante la conferenza stampa col presidente Abdelmadjid Tebboune, si è poi prodigata in ringraziamenti al «partner affidabile e di rilievo strategico», promettendo di rafforzare l’alleanza pure «nel campo politico e culturale». Addirittura.

Ma tu pensa, bastava fare un paio d’ore di volo fino ad Algeri per trovare gas a prezzi convenienti e smetterla di rifornirsi da Putin. La domanda viene spontanea; se approvvigionarsi dall’Algeria era così facile e conveniente, perché non ci abbiamo pensato prima? La risposta è che, ovviamente, così facile e conveniente non è. I fatti consigliano sì di procedere, ma con prudenza.

Prima di tutto va detto che la fornitura algerina non è una novità assoluta: già due anni fa, quando nessuno parlava di guerra in Ucraina e Putin sembrava un saldo partner dell’Occidente, ricevevamo dall’ex colonia francese 21 miliardi di metri cubi di gas. Oggi siamo saliti a 25 miliardi e il prossimo anno a 28. Cifre che comunque non bastano certo a soddisfare il nostro fabbisogno.

L’altra verità è che infatti l’Algeria è solo uno dei tanti fornitori ai quali ci stiamo rivolgendo; tra gli altri, come ha ammesso lo stesso Descalzi, figurano l’Egitto, la Libia, il Mozambico, l’Angola.

Qualcuno a questo punto avrà già storto il naso facendoci venire al vero problema; stiamo sostituendo le forniture russe con quelle di partner che non solo non sono certo più democratici di Putin, ma neanche possono essere considerati regimi stabili e quindi fornitori affidabili nei prossimi anni.

Della Libia non parliamo nemmeno: dalla violentissima “primavera araba” che è costata prima il potere e poi la vita a Gheddafi, precipitandolo in una più che decennale guerra civile, il paese è diventato uno dei paesi più instabili e inaffidabili al mondo. Ma non si trova in condizioni troppo migliori l’Egitto, controllato da una giunta militare arrivata al potere con un colpo di stato, o il Mozambico, dove le milizie dei principali gruppi di opposizione controllano di fatto quattro province del paese, e neppure l’Angola, dove gli scontri tra separatisti ed esercito sono all’ordine del giorno.

L’ambizione della Meloni, che punta a sfruttare la posizione geografica dell’Italia per rendere il nostro paese il punto di collegamento tra i fornitori africani e la sempre più energivora Europa, è comprensibile. Ma se i partner dal lato dell’offerta sono così poco affidabili viene da domandarsi se davvero convenga investire decine di miliardi di euro in gasdotti che poi, a causa di una guerra civile o di un cambio di regime o di qualche accordo con i rivali cinesi, rischiano di rimanere inutilizzati. Nordstream 2, mai utilizzato, è costato 12 miliardi di euro. Conti che è bene farsi prima di infilarsi in un’altra relazione pericolosa come quella intrattenuta per anni con la Russia.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

L’euro digitale ci sarà ma i tempi ancora non sono certi

Articolo successivo

Violenza domestica, la direttiva europea e la tutela dei bambini

0  0,00