Regeni, Meloni e Tajani chiamati a testimoniare da gup

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – Il premier Giorgia Meloni e il ministro degli Esteri Antonio Tajani saranno sentiti dal gup di Roma nel processo nei confronti dei quattro 007 egiziani imputati per l’omicidio di Giulio Regeni, il ricercatore italiano sequestrato, torturato e ucciso in Egitto nel 2016. Meloni e Tajani, all’udienza del prossimo 3 aprile, dovranno riferire sulla disponibilità a collaborare con l’Italia espressa nelle scorse settimane dal presidente egiziano Al Sisi. La richiesta è stata avanzata oggi in aula dal legale dei genitori di Regeni, Alessandra Ballerini. 

Oggi, fuori da piazzale Clodio a Roma in occasione della nuova udienza del processo è stato organizzato un sit in. Presenti, oltre ai genitori di Regeni e a Beppe Giulietti, presidente della Fnsi, anche gli attori Valerio Mastandrea e Pif. “Ognuno vive come vuole propria popolarità, io credo che bisogna prendere posizione sempre” ha detto Pif. “Siamo stati accanto alla famiglia Regeni sin dal primo giorno e oggi siamo qui per farli sentire meno soli” ha aggiunto Mastandrea. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

13 Febbraio 2023 Giornata Internazionale dell’ Epilessia al via “Si va in scena. Storie di Epilessia”

Articolo successivo

Vela: Mondiali Giovani. Abodi “C’è stato grande spirito collaborazione”

0  0,00