Ue, perquisita sede del Ppe a Bruxelles

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – La Polizia belga ha effettuato oggi una perquisizione nella sede del Partito Popolare Europeo a Bruxelles. Lo conferma una fonte qualificata, dopo che Euractiv.com ha anticipato la notizia. Secondo Euractiv, la perquisizione ha riguardato il primo e il terzo piano del quartier generale del primo partito politico dell’Ue, in rue du Commerce; sarebbero stati sequestrati dei computer.  

La perquisizione è legata ad una inchiesta in corso in Turingia, Land della Germania centro-orientale, chiarisce il Partito Popolare Europeo, in un comunicato. Il Ppe “conferma che martedì 4 aprile rappresentanti delle autorità di polizia belghe e tedesche hanno visitato la sede del partito a Bruxelles. La visita è collegata a un’inchiesta in corso in Turingia, in Germania. Il partito sta collaborando in piena trasparenza con le autorità coinvolte, fornendo tutte le informazioni e la documentazione del caso. Visto che si tratta di un’indagine legale in corso, il Ppe non fornirà ulteriori commenti”.  

Il caso, a quanto si apprende a Bruxelles, riguarderebbe Mario Voigt, il leader della Cdu in Turingia: secondo le prime indiscrezioni, avrebbe lavorato per il partito durante la campagna elettorale per le europee, gestendo il lavoro sui social media, e l’inchiesta riguarderebbe una parte del contratto, che avrebbe subappaltato ad una società tedesca. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Filippo Giardina: “Il politically correct? Per me vale tutto, ma nel giusto contesto”

Articolo successivo

PetNews Magazine – 4/4/2023

0  0,00