Nomine, un nome non vale l’altro: la posta in gioco con il Pnrr

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – Il periodo che precede le nomine delle partecipate è fatto di nomi che saltano da una casella all’altra. Come se uno valesse l’altro e come se gli equilibri da raggiungere all’interno della maggioranza di governo fossero l’unico criterio che conta. E’ sempre stato così e anche questo giro non si è sottratto alla consueta girandola di indiscrezioni, spesso, inevitabilmente, per sentito dire. Un esercizio di potere, prima ancora che la selezione dei migliori manager a disposizione. 

Il problema non è tanto l’esercizio giornalistico, perché qualsiasi toto-nomi sconta un margine di approssimazione ampio, ma il metodo con cui si cerca di arrivare a una soluzione. Si procede per quote, distribuendo le poltrone in base alla forza di un partito o dell’altro, attribuendo peraltro arbitrariamente casacche e appartenenze. Quando si invoca la continuità, o al contrario quando si chiede discontinuità, e lo si fa in maniera strumentale, il rischio è quello di dimenticare il fattore che dovrebbe ispirare le scelte.  

Servono amministratori delegati e presidenti capaci, a maggior ragione oggi. Alle sei grandi partecipate pubbliche, Eni, Enel, Terna, Leonardo, Poste e Fs, spetta una parte consistente dell’attuazione del Pnrr. Passano da loro, prima ancora che da una struttura pubblica che continua a scontare un deficit ormai stratificato di competenze e capacità amministrative, la possibilità di utilizzare le risorse europee per modernizzare veramente il Paese. Transizione energetica e transizione digitale, insieme alla mobilità e agli investimenti strategici, sono insieme il fine e il mezzo su cui è stato costruito il Recovery Fund europeo e, a cascata, i Recovery plan nazionali.  

E’ una macchina complicata, in moto faticosamente ormai da mesi. Accelerare o frenare, cambiare definitivamente marcia o accumulare ulteriore ritardo, dipende anche dalla capacità di questi manager di gestire e indirizzare la trasformazione che viene richiesta.  

L’ora delle decisione per le nomine sta scoccando. E’ presumibile che ci siano per le posizioni di vertice di queste sei società alcune conferme, qualche spostamento, e poche new entry. Saranno nomine che rifletteranno i pesi e i contrappesi nella maggioranza, insieme alla capacità della premier Giorgia Meloni di imporre la propria sintesi. Quello che è essenziale, per tutti, è che venga assicurato per i prossimi tre anni un assetto di vertice efficiente a tutte e sei le società. Perché più che guardare alla presunta appartenenza dei manager a una fazione piuttosto che a un’altra è cruciale che non si perda tempo e che si mettano al servizio del Paese, del Pnrr e dei progetti che servono, le competenze migliori che si hanno a disposizione. (di Fabio Insenga)  

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Champions. Hernandez “Napoli forte, ma Milan può vincere Coppa”

Articolo successivo

data.ai Launches Total App Revenue – The Ultimate Mobile Metric

0  0,00