Vulvodinia, non è una malattia immaginaria, esiste una diagnosi

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – Altro che malattia inventata, ha sintomi scomodi e personali la vulvodinia, un dolore cronico localizzato a livello della vulva, genitali esterni, e che può persistere da 3 a 6 mesi. Oggi, per questa patologia femminile esiste una diagnosi e la guarigione. Riconosciuta come ‘problema ad alto impatto sociale’, per la vulvodinia il 3 maggio 2022 è stata presentata la proposta di legge alla Camera dei deputati, per il suo inserimento all’interno del Sistema sanitario nazionale (Ssn) e dei Livelli essenziali di assistenza (Lea). La vulvodinia è il dolore si genera a causa di un’alterazione su base infiammatoria delle terminazioni nervose, in particolare del nervo pudendo, la fibra nervosa che innerva i genitali esterni di uomo e donna e che controlla la contrazione muscolare del pavimento pelvico. La patologia – che interessa il 16% delle italiane tra i 20 e i 40 anni – è caratterizzata dalla contrazione dei muscoli della zona genitale (ipertono del pavimento pelvico) con un dolore cronico che può diventare anche invalidante. Al momento della diagnosi, il 70% delle donne lamenta dolore vulvare da più di un anno e il 48,3% da uno a 5 anni. I Sintomi riportati sono: prurito; bruciore; gonfiore delle piccole e grandi labbra; perdite vaginali; disturbi urinari; sensazione di puntura di spillo o fitte, di abrasioni o presenza di corpo estraneo. La Vulvodinia può manifestarsi in seguito a cadute, interventi chirurgici, infezioni ricorrenti, abuso di antibiotici e antimicotici, attività fisica molto intensa, stipsi (stitichezza) e disfunzioni urinarie. Per ridurre i sintomi dovuti all’irritazione vulvare si consiglia un abbigliamento comodo, biancheria e l’uso di detergenti non aggressivi. Sono sconsigliati rapporti sessuali. L’approccio terapeutico prevede una serie di interventi diverso per ogni caso specifico con l’obiettivo di ridurre il dolore, ripristinare le funzioni e migliorare lo stato di benessere fisico, psicologico e della qualità di vita. Altre informazioni sul sito dell’Associazione italiana Vulvodinia www.vulvodinia.org 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Meloni al Salone del Mobile “Più lavoro alle donne”

Articolo successivo

Da Intesa Sanpaolo 76 mld per la transizione energetica delle imprese

0  0,00