//

Matrimoni in calo: la fede al dito pesa

1 minuto di lettura

Da tempo ormai i matrimoni -sia civili che religiosi- sono in netto calo, non se ne parla più e, se lo si fa, ci si riferisce a matrimoni arrivati al capolinea, destinati quindi a sciogliersi attraverso il divorzio. Sicuramente si tratta di una conseguenza della grande crisi economica che ha colpito il nostro paese ma, anche e soprattutto, una conseguenza della perdita di valori sia laici che religiosi. In realtà non sono tempi bui soltanto per i matrimoni, bensì anche per i figli -anche questi in netto calo-. Si prospetta che nel 2070 la popolazione italiana scenderà sotto quota 50 milioni, ci troviamo di fronte ad un vero e proprio inverno demografico.

Di fatto però, stando all’enorme quantità di stories e post pubblicati su Instagram dalle più disparate influencer, sembrerebbe che le cerimonie nuziali siano -al contrario- in netto aumento. Negli ultimi mesi i social sono tampinati di contenuti sui matrimoni, sembra esserci stata un’invasione di calciatori, fashion blogger, youtuber, modelle e chi più ne ha più ne metta che coronano il loro amore nelle più ambite -e costose- location d’Italia.

Ma allora perché le statistiche ci dicono il contrario?

Le risposte a riguardo potrebbero essere tante. Innanzitutto è bene dire che non è tutto oro quel che luccica, attraverso i social si è in grado di mostrare quel che più ci piace, senza che però gli altri sappiano se quei contenuti siano reali o meno. È quindi possibile che, quella miriade di matrimoni che ogni giorno attanagliano i nostri social, non sia reale o comunque sia accompagnata da un quasi imminente divorzio. Questo non lo possiamo sapere, il fatto certo è che, anche se si trattasse di vere cerimonie stiamo comunque prendendo in considerazione dei dati poco affidabili che, se inseriti su scala globale, potrebbero veramente rappresentare una percentuale bassissima nell’ambito “celebrazione matrimoni”.

Che dir se ne voglia, matrimoni o non matrimoni una cosa è certa, le ultime generazioni hanno quasi completamente perso quelle tradizioni e quei valori che i nostri nonni hanno tanto faticato a trasmetterci.

E chissà, speriamo solo non vadano persi per sempre.

Di Francesca Pandolfi

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Riforme, Meloni convoca le opposizioni per martedì

Articolo successivo

Scudetto Napoli, Roberta Capua pronta a spogliarello: “Ma solo se lo fa Marisa Laurito”

0  0,00