Salute, 5mila nuovi casi artrite reumatoide l’anno: al via campagna su remissione

1 minuto di lettura

(Adnkronos) –
Sono 300mila le persone che in Italia convivono con l’artrite reumatoide, 5mila le nuove diagnosi ogni anno. Per questo motivo AbbVie lancia “Complete the Picture – Non accontentarti di una vita a metà: parla con il tuo reumatologo”, la campagna informativa sulla Ar promossa dall’azienda e realizzata con il patrocinio di Apmarr e Anmar, incentrata su www.missioneremissione.it, un sito web in cui è possibile trovare informazioni sulla patologia e consigli pratici per la sua gestione quotidiana, video di approfondimento con reumatologi, nutrizionisti, psicologi e fisiatri.  

L’iniziativa è stata presentata oggi in occasione della conferenza stampa “Remissione dell’artrite reumatoide: il futuro è adesso – L’analisi economica a sostegno di Ssn, società e pazienti” promossa in Senato da AbbVie, durante la quale sono stati illustrati i risultati di un’analisi di cost-of-illness condotta dall’Università Cattolica del Sacro Cuore per determinare l’impatto economico legato alla gestione del paziente adulto con Ar in fase attiva da moderata a severa.“La campagna – spiega all’Adnkronos Salute Annalisa Iezzi, direttore medico di AbbVie – è legata alla piattaforma web ‘missioneremissione’, proprio per evidenziare che la remissione è la parola chiava del dialogo e dell’alleanza tra medico e paziente il cui obiettivo è quello di migliorare la qualità di vita del paziente”.  

L’artrite reumatoide è “purtroppo una patologia altamente invalidante – sottolinea Iezzi – a causa della quale le persone che ne sono colpite hanno una qualità di vita totalmente distrutta”. Lo scopo della campagna “è, invece, quello di sensibilizzare tutti quanti all’idea che è possibile raggiungere la remissione clinica, bisogna che i pazienti ne siano consapevoli”. L’immagine della campagna che propone una chitarra tagliata, “nasce dalla consapevolezza che vivere con l’artrite reumatoide non sia semplice e costringe a fare delle rinunce, non riuscendo a vivere a pieno la propria vita – conclude Iezzi – Troppi pazienti con Ar vivono una vita a metà. Il nostro intento, invece, è dare la possibilità al paziente di raggiungere la remissione clinica, quindi di migliorare la sua qualità di vita”.  

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Tg Sport – 13/6/2023

Articolo successivo

Lutto per Prodi, morta la moglie Flavia Franzoni

0  0,00