Gare da 30 mln per digitalizzare il patrimonio culturale delle Regioni

1 minuto di lettura

(Adnkronos) –
Quasi 33 milioni di euro per digitalizzare i materiali cartacei e fotografici, oggetti museali e microfilm conservati nei luoghi della cultura di regioni e province autonome. È quanto prevedono le tre procedure di gara per la conclusione di accordi quadro pubblicate dalla centrale di committenza Invitalia per i progetti di digitalizzazione del patrimonio culturale previsti dal Pnrr. L’intervento è parte del più ampio progetto di digitalizzazione dell’Istituto centrale per la digitalizzazione del patrimonio culturale – Digital library del ministero della Cultura. 

Alle regioni e alle province autonome italiane è stato affidato il compito di bandire tre gare per digitalizzare il patrimonio degli istituti culturali degli enti locali, spiega Invitalia. L’obiettivo è ”valorizzare il patrimonio culturale in modo innovativo, conservarlo, catalogarlo e ampliarne le possibilità di fruizione, in linea con quanto previsto dal Piano nazionale di digitalizzazione – Pnd, pubblicato dall’Istituto centrale per la digitalizzazione del patrimonio culturale – Digital library del Mic”. 

Gli enti, che attueranno ognuna per la propria parte l’Investimento Pnrr, dall’ammontare complessivo di 70 milioni di euro, hanno individuato istituti e luoghi della cultura (tra archivi, biblioteche, fototeche, musei, pinacoteche, gallerie d’arte) che custodiscono i beni da digitalizzare, suddivisi nelle tre categorie oggetto delle tre procedure di gara. Verranno così prodotte oltre 25 milioni di nuove risorse digitali. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Motori Magazine – 9/7/2023

Articolo successivo

F1 Gp Gran Bretagna 2023, Verstappen vince a Silverstone e disastro Ferrari

0  0,00